Padre Secchi? Una «stella»

Stampa articolo Stampa articolo

Un convegno internazionale sull’astrofisico

A Roma la settecentesca Biblioteca Casanatense – attigua alla chiesa di Sant’Ignazio e al Collegio Romano – ha ospitato dal 3 al 5 settembre il convegno internazionale di studi “The legacy of Angelo Secchi SJ 200 years after his birth”, promosso dal Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita dell’illustre astronomo gesuita, avvenuta a Reggio il 28 giugno 1818.
I qualificati relatori provenivano dalla Specola Vaticana, dall’INAF, da Osservatori e Università italiane e straniere. Il convegno è stato articolato in sessioni, che hanno spaziato dall’astrofisica alla meteorologia, alla spettroscopia. I contributi, rigorosamente in inglese così come il dibattito, hanno dimostrato il ruolo fondamentale avuto da padre Secchi nello sviluppo dell’astrofisica; nel contempo hanno testimoniato l’attenzione e “il debito di riconoscenza” che il mondo scientifico internazionale gli attribuisce.

Giovedì 6 settembre, sempre la Biblioteca Casanatense, che è accanto all’Osservatorio che Secchi fece erigere sulla cupola della chiesa dei Gesuiti, ha ospitato le due sessioni dell’“Interdisciplinary workshop in history of science. Angelo Secchi (1818-1878) SJ: the scientist and his time”.
In concomitanza con il convegno romano è divenuto accessibile e fruibile il sito https://tracieloeterra.bicentenarioangelosecchi: una mostra virtuale che ripercorre l’avventura scientifica di padre Angelo Secchi attraverso un ricco corredo iconografico.

Continua a leggere tutto l’articolo su La Libertà del 12 settembre

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento