Villa Cella: prende il via la sagra dell’Assunta

Stampa articolo Stampa articolo

Prenderà il via venerdì 7 settembre la Sagra dell’Assunta della parrocchia di Villa Cella, giunta alla trentasettesima edizione. Quest’anno coincide con la festa liturgica della Natività di Maria Vergine.

Sono infatti ormai 37 anni che la Sagra dell’Assunta viene celebrata la seconda domenica di settembre, quando la comunità rientra dopo le ferie estive.

Il Consiglio Pastorale della parrocchia di San Silvestro Papa ha progettato una festa che salvaguardando l’aspetto religioso fosse anche di natura popolare e quindi aperta a tutto il Paese.

Dal 7 al 9 settembre si succederanno momenti religiosi, di festa, di aggregazionee convivialità (ristorante, pizzeria, stand dei dolci, giochi per i bimbi e atelier) e di solidarietà (pesca di beneficienza, stand di RTM).

Momento religioso saliente sarà domenica 9 settembre la solenne celebrazione eucaristica, presieduta alle 10.30 dal parroco don Giovanni Davoli; alla celebrazione farà seguito la processione con l’immagine della Vergine lungo le vie Cella All’Oldo, Vico, Caleri, Bassetta.

Nella foto: il memorabile incontro di Papa Giovanni Paolo II con gli Ospiti della Casa della Carità di Cella

 

La festa si svolge oltre che in chiesa, nel cortile parrocchiale e nel salone che dal 1966 al 2000 era  stato adibito a chiesa e che verrà ora intitolato a San Giovanni Paolo II; qui il pontefice sostò in preghiera – assieme al parroco don Agostino Varini e ai vescovi Gilberto Baroni e Camillo Ruini – in occasione della sua memorabile visita alla Casa della Carità il 6 giugno 1988.

Infatti quest’anno la Festa coincide con il trentesimo anniversario della venuta a Reggio (e a Cella) di Papa Wojtyla; tappa fondamentale di quella visita fu l’incontro con gli Ospiti della Casa della Carità, “i nostri gioielli” come li definì il vescovo Gilberto Baroni, che precisò “Case inserite in parrocchia; attorno a queste Case la comunità parrocchiale gravita, senza sradicare gli Ospiti dai loro famigliari e dal loro ambiente naturale”.

Nei locali parrocchiali verrà allestita una mostra, curata da Domenico Baroni, a ricordo di quell’eccezionale avvenimento.

La festa parrocchiale rappresenta un atto concreto di accoglienza verso tutta la comunità di Villa Cella e non solo e di cristiana carità.

 

Gianalberto Gabbi

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento