Scusa, ma…

Stampa articolo Stampa articolo

“Scusa, ma…”.
Il suo telefonino sta squillando.
Lui allarga sconsolatamente le braccia per farti capire che gli dispiace che lo chiamino proprio durante la nostra conversazione, poi, con fare fra il dispiaciuto e il compiaciuto, cerca il telefonino reo del misfatto.
“Scusa, ma…” ripete, allargando di nuovo le braccia per rinnovare il suo senso di impotenza. Poi risponde, e ti molla lì come un babbeo.
E non sai cosa fare!
Ci fosse lì vicino almeno qualcosa di interessante su cui concentrare l’attenzione; che so io, un bel palazzo da vedere, anche se non te ne può fregare di meno, o un cartello da leggere, non importa se risalente alle elezioni dello scorso anno. Rappresenterebbero un’ancora di salvezza destinata non tanto ad alleviare la tua alquanto critica situazione, quanto a far capire agli altri che è tutto normale, che va bene così.
Mentre invece non va bene proprio per niente, soprattutto quando lui, preso dalla foga della conversazione telefonica, ti volta addirittura le spalle e comincia a camminare avanti e indietro togliendoti definitivamente di mezzo.

Ma chi è ’sto fesso che lo sta chiamando, pensi, e vieni preso da un senso di frustrazione e di impotenza mentre comincia ad aleggiare un pericoloso calo di autostima sconfinante a volte in vere e proprie crisi esistenziali.
Sarà più importante di me, sicuramente, se no non mi mollerebbe in questa maniera, continui a pensare cercando un alibi al suo comportamento e un sollievo al tuo avvilimento; a meno che la sua considerazione nei miei riguardi sia di così scarsa consistenza da farlo sentire autorizzato a tale comportamento, continui a rimuginare ricadendo di nuovo nell’autocommiserazione.

Leggi tutto l’articolo di Franco Zanichelli su La Libertà del 29 agosto

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento