Insieme per sognare i sogni di Dio

Stampa articolo Stampa articolo

I giovani del Movimento «Familiaris Consortio» pellegrini ad Assisi

“E ognuno di noi, tornando a casa, metta questo nel cuore e nella mente: Gesù, il Signore, mi ama. Sono amato. Sono amata. Sentire la tenerezza di Gesù che mi ama. Percorrete con coraggio e con gioia il cammino verso casa, percorretelo con la consapevolezza di essere amati da Gesù”.
Con queste parole del Papa a conclusione della preghiera di sabato (11 agosto, ndr), posso dire con certezza di essere tornata a casa con il cuore più leggero. Parlo di quella leggerezza che deriva dalla consapevolezza di avere qualcuno che ti chiama per nome, che ti accoglie per quello che sei, con le tue bellezze e le tue fragilità, che apre una strada per te e con te.

Sono proprio queste le tematiche su cui abbiamo riflettuto noi giovani del Movimento Familiaris Consortio durante il pellegrinaggio fatto ad Assisi. È stato un cammino alla riscoperta di due santi innamorati di Cristo, due santi che sono stati capaci di trasmettere la loro gioia contagiosa al punto da impressionarci ancora oggi: san Francesco e santa Chiara. Siamo stati accompagnati soprattutto a metterci in ascolto nel silenzio: ho apprezzato tantissimo questa atmosfera, perché mi sono resa conto di quanto quei momenti non fossero motivo di isolamento, ma fossero proprio attimi in cui interrogare il mio cuore per essere più disponibile ed aperta a Dio e agli altri. E dal silenzio nasceva la condivisione, una condivisione che definirei fiorente, davvero lo sbocciare di tanti fiori di relazioni buone.

Leggi l’intero articolo di Eleonora Schiatti su La Libertà del 29 agosto

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento