Il Teatro dell’Orsa a Libr’Aria per far festa

Stampa articolo Stampa articolo

Per il decimo compleanno della manifestazione dedicata ai lettori e alle lettrici all’aria aperta, Monica Morini e Bernardino Bonzani -accompagnati dalla musica dal vivo di Fabio Bonvicini- proporranno la parata narrante Fiabe in cammino e lo spettacolo I Musicanti di Brema.

«Libr’Aria è un’occasione di incontri, approfondimenti felici sui libri e i racconti, sullo sguardo dei lettori e su chi le storie le pensa. Il teatro è il naturale luogo d’incontro per chi vuole sentire le storie con l’orecchio acerbo, come diceva Rodari. Viverle in uno spazio aperto, sotto le fronde degli alberi e accanto all’amichevole presenza dei libri, è un’esperienza da non perdere. La letteratura per ragazzi solleva domande che ci interrogano in modo autentico, ci spingono a cercare il senso vero delle cose senza scorciatoie, senza ipocrisie. Le fiabe ancora parlano a tutti. Siamo amici di Libr’Aria fin dagli inizi, felici di celebrare questo anniversario tondo, in un Festival per tutti»: Monica Morini e Bernardino Bonzani introducono il senso della loro partecipazione, domenica 26 agosto, alla decima edizione del Festival Libr’Aria di Albinea, a pochi chilometri da Reggio Emilia.

 

Alle ore 16.30 gli artisti del Teatro dell’Orsa, accompagnati dalla musica dal vivo di Fabio Bonvicini, proporranno la parata narrante Fiabe in cammino: «Segui il filo delle storie, un’allegra parata partirà da Parco Fola, davanti a Villa Tarabini, al ritmo della musica e sfilerà da un parco all’altro, fino ad approdare in biblioteca, al Parco dei Frassini. Un tempo magico per incantarsi con le fiabe».

Il Parco dei Frassini, alle ore 17.15, sarà il teatro che accoglierà I Musicanti di Brema, spettacolo per tutti, «viaggio sonoro e divertente in cui un vecchio somaro, una cane bolso, un gatto orbo e un gallo da brodo cercano insieme riscatto nella musica».

Lo spettacolo è interpretato da Bernardino Bonzani e si avvale delle canzoni e delle musiche ispirate alla tradizione popolare, composte ed eseguite dal vivo da Fabio Bonvicini. Da sempre il Teatro dell’Orsa unisce la narrazione alla musica dal vivo con artisti, ricercatori della musica popolare, della tradizione e classica.

 

Le realizzazioni scenografiche sono di Franco Tanzi mentre la regia è di Monica Morini, che suggerisce: «Nel buio della notte, nel cuore del bosco, tra ragli, guaiti e chicchirichì, forse i quattro amici troveranno un luogo per ricominciare. Un festoso organetto suona uno spartito di libertà. Si canta insieme per vincere la fame, la paura, l’abbandono e inventare una nuova strada. Finché c’è ancora qualcosa da raccontare, c’è sempre una possibilità e questo è il migliore allenamento alla vita.  La musica e i canti popolari sostengono accompagnano il cammino verso Brema. Questa storia di riscatto parla ugualmente a grandi e bambini, traccia sentieri solidali e ci incoraggia».

 

Info sul Festival: https://www.facebook.com/libraria.albinea/.

Info sulla Compagnia: http://www.teatrodellorsa.com/.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento