Pedalando verso il Sinodo, da Giona a Francesco

Stampa articolo Stampa articolo

Una ventina di giovani del Centro Sportivo Italiano sono arrivati in bicicletta dopo 620 km

29 ore sul sellino, 620 km di strada percorsa, 9.500 metri di dislivello in salita, 2 tonnellate di CO2 risparmiata, 30.000 calorie bruciate a testa, avremmo illuminato lo Stadio Olimpico per la durata di una finale di Champions League…
Domenica 5 agosto siamo partiti da Reggio Emilia: una ventina di giovani del Csi, casco in testa, piedi sui pedali, inforcate le biciclette, destinazione Roma. È Francesco ad averci convocati, insieme ad altri 90.000 giovani da tutta Italia, per la due-giorni 11-12 agosto in preparazione al sinodo del prossimo ottobre: “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Con il Santo Padre abbiamo vegliato al Circo Massimo, con lui abbiamo pregato in piazza San Pietro. La sfida era preparare l’incontro di Roma con un cammino, fisico o spirituale. Molti i pellegrini, noi soltanto ciclo-pellegrini.

Nei sei giorni di prega-e-pedala abbiamo riflettuto sul libro di Giona e sul significato di mettersi in viaggio non sempre per la strada più comoda, non sempre nella direzione desiderata. Sudore alle tempie, denti stretti, asfalto rovente che brucia i copertoni, la salita verso il santuario di La Verna non è certo la strada più comoda, non lo è lo strappo per giungere alla basilica di San Francesco in Assisi, e non il giaciglio desiderato il pavimento di una palestra, o di un oratorio.

Continua a leggere l’articolo di Tommaso Fontanesi su La Libertà del 22 agosto

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento