A Brugneto nascerà il Museo della civiltà contadina

Stampa articolo Stampa articolo

Brugneto, frazione di Reggiolo, festeggerà presto il battesimo del Museo della civiltà contadina, uno spazio pensato per raccontare la storia del territorio attraverso gli strumenti utilizzati nelle campagne e le immagini d’epoca. Il percorso espositivo, collocato al primo piano del centro civico di Brugneto da poco restaurato, è pensato per trasmettere alle nuove generazioni la conoscenza di un mondo e di un modo di lavorare nelle campagne molto diverso da quello odierno, che si avvale di tecnologie sempre più innovative. Grazie al contributo di alcune famiglie di agricoltori è stato possibile raccogliere strumenti non più utilizzati, attrezzi di lavoro e oggetti capaci di descrivere la vita nelle campagne, testimonianze di un passato non poi così lontano ma spesso ignorato.

“Abbiamo voluto cogliere questa opportunità – spiega l’assessore comunale alla Cultura Franco Albinelli – con l’intento di far conoscere ai cittadini le radici, in gran parte sconosciute ai più giovani, della nostra comunità. Il museo è parte di un percorso di valorizzazione della cultura e della storia reggiolese da tempo intrapreso dall’Amministrazione. Oltre agli oggetti il percorso espositivo raccoglierà immagini fotografiche storiche legate alle tradizioni locali, alla cultura e alle usanze contadine del secolo scorso”.

L’iniziativa, realizzata anche grazie alla collaborazione della Pro loco e dell’associazione “Brugneto c’è”, è ancora in divenire e la raccolta degli oggetti e delle testimonianze storiche continua. Per chi volesse contribuire alla realizzazione del museo donando attrezzi leggeri, strumenti di lavoro e fotografie d’epoca è pregato di mettersi in contatto con Angelo Freddi (tel. 349 4355545).

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento