Anteas: “No ad anziani soli in città”

Stampa articolo Stampa articolo

In città ad agosto l’ambulatorio Anteas di Cisl Fnp si sposta presso il centro anziani “Marco Gerra” in via Emilia Ospizio di Reggio Emilia

L’ambulatorio Anteas, centro medico per anziani e cittadini in difficoltà, promosso da Anteas, la associazione di volontariato della Fnp Cisl Emilia Centrale,  annunci a che, nel sospendere l’attività nella storica sede di via Turri 69, dal 1 luglio a lunedì 3 settembre per esigenze d’organizzazione, per tutto il mese d’agosto le prestazioni, offerte dai volontari medici e infermieri in pensione, saranno svolte presso il centro per anziani Marco Gerra (ex casa di riposo) in via Emilia Ospizio 89/1 il mercoledì dalle 9:30 alle 10:30, in collaborazione con l’associazione Emmaus.

«Con il nostro servizio dei medici volontari – spiegano Giuseppe Polichetti, presidente di Anteas e Marino Favali, coordinatore di Fnp per Reggio Emilia – ogni giorno pratichiamo medicazioni, punture, misuriamo la glicemia a decine di pazienti. E per garantire loro l’assistenza necessaria il servizio offerto da Anteas, che nel corso degli anni è diventato sempre più fondamentale per tante famiglie italiane e straniere della provincia, che non possono permettersi visite a pagamento sarà comunque garantito anche ad agosto ed è solamente stato spostato momentaneamente in un’altra sede. Da settembre, proprio grazie alla collaborazione intrapresa con Emmaus, aumenteremo le aperture nei due ambulatori, arrivando a 5 giorni. Oggi – concludono – , con le parole di un esperto, ci rivolgiamo soprattutto anziani e pensionati che non devono essere lasciati soli in questi giorni torridi, dato che il picco è previsto sino all’8 agosto».

Sono 40° i gradi percepiti che si potrebbero registrare a Reggio e molti cittadini, soprattutto anziani, possono avere bisogno d’assistenza a causa di malori e mancamenti improvvisi. Ma come comportarsi per contrastare le alte temperature in arrivo? «Per difendersi dal caldo – consiglia Attilio Pagliani, medico di Anteas – è importante vestirsi adeguatamente, sia in montagna che al mare, perché il corpo deve essere sempre libero di respirare. Preferite perciò abiti traspiranti e leggeri».

Durante l’estate bisogna fare maggiore attenzione all’alimentazione. «Con il caldo è consigliato fare piccoli pasti leggeri e preferire alimenti di stagione, molto digeribili, ricchi di vitamine. Bere pochi alcolici e al massimo un bicchiere di vino duranti i pasti principali. La frutta e la verdura devono essere fresche e state attenti agli zuccheri nascosti. I succhi e le bevande gassate, ad esempio, sono pieni di zuccheri e vanno sempre assunti con moderazione».

Che sia mare, piscina o città e bene adottare altre buone consuetudini: «State sempre riparati dal sole nelle ore più calde; fate il bagno lontano dai pasti e solo dopo aver digerito e fate sempre attenzione all’idratazione: soprattutto gli anziani – aggiunge –  devono bere almeno 1,5-2 litri d’acqua naturale o frizzante al giorno». E infine un occhio di riguardo all’aria condizionata «Soprattutto per i cardiopatici – conclude Pagliani – l’aria condizionata non deve mai essere ai massimi livelli».

I consigli per gli anziani per contrastare il caldo secondo i medici volontari di Anteas:

  1. Vestirsi con abiti leggeri e traspiranti, sia in montagna che al mare, per permettere al corpo di respirare.
  2. Più attenzione all’alimentazione. Fare pasti frequenti e leggeri, preferendo alimenti di stagione, digeribili e ricchi di vitamine.
  3. Bere molta acqua: almeno 2 litri al giorno e fare attenzione agli alcolici. Si al vino rosso ma con moderazione. Consumare al massimo un bicchiere durante i pasti.
  4. Occhio agli zuccheri nascosti nei cibi come in succhi di frutta, merendine e bibite gassate che vanno consumati con attenzione moderazione.
  5. Non esporsi al sole nelle ore più calde della giornata.
  6. Fare attenzione all’aria condizionata. Soprattutto per i cardiopatici è infatti sconsigliato tenerla al massimo della potenza.
  7. Al mare e in piscina fare il bagno solo dopo aver digerito e lontano dai pasti.
Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento