Guastalla: il 16 settembre «Elevazioni Spirituali» e Messa con l’Ordine del Santo Sepolcro

Stampa articolo Stampa articolo

Quest’anno speriamo prenda inizio una nuova tradizione devozionale per l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (OESSG). Infatti, in occasione della Festa dell’Esaltazione della Santa Croce, che liturgicamente si celebra il 14 settembre, nella domenica successiva, il 16 settembre, l’Ordine celebrerà una delle sue più importanti ricorrenze devozionali presso la Concattedrale di Guastalla con un praeludium musicalis di polifonia e la santa Messa solenne. Nello statuto dell’Ordine del Santo Sepolcro esistono diverse feste nelle quali il Cavaliere o la Dama possono lucrare l’indulgenza plenaria. Assieme alla ricorrenza di Sant’Elena Imperatrice (18 agosto), che scoprì le tre croci sul Monte Calvario, la festa dell’Esaltazione della Santa Croce (14 settembre) è l’altro momento liturgico nel quale può essere lucrata l’indulgenza. D’altra parte, sul mantello del Cavaliere e della Dama troneggia la “croce potenziata”, cioè una grande croce greca circondata da quattro croci greche minori, inserite nell’angolo formato dall’incrocio dei bracci. Se la grande croce rappresenta l’ampia ferita al cuore di Cristo (sul costato), le altre 4 rappresentano le ferite alle mani e piedi di Gesù.

Per solennizzare questa festa ordinistica, la Delegazione reggiana dell’OESSG ha organizzato un momento di cultura ed un momento di preghiera, correlati tra loro.
Domenica 16 settembre, alle ore 17, presso il Duomo di Guastalla, a ingresso libero, si svolgerà un momento di preghiera in musica dal titolo Elevazioni Spirituali, con brani di musica polifonica sulla Passio Christi presentato dalle Voci Virili di Cremona, dirette da monsignor Graziano Ghisolfi, gruppo maschile della Cappella Polifonica della Cattedrale di Cremona. Saranno eseguiti brani di Tomas Luis de Victoria, Marc’Antonio Ingegneri, polifonie su testi di Pietro Metastasio e altri autori.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 29 agosto

Il reliquiario a forma di croce conserva la reliquia della Santa Croce mentre quello a forma cilindrica (foto Franzosi)

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento