Centotrent’anni fa nasceva a Reggio Madre Giovanna Francesca Ferrari

Stampa articolo Stampa articolo

Fondò le Missionarie Francescane del Verbo Incarnato

Ricorre quest’anno il 130° anniversario della nascita di madre Giovanna Francesca Ferrari, al secolo Luisa, nata a Reggio Emilia il 14 settembre 1888 in corso Cairoli. La fondatrice delle Missionarie Francescane del Verbo Incarnato era la settima figlia del professor Giuseppe Ferrari, valente insegnante, poeta e letterato, e di Eurosia Salami; la sorella Anna, chiamata “Nina”(27 aprile 1878 – 2 giugno 1926), fu un’apprezzata pittrice. Luisa ricevette il Battesimo il 3 novembre 1888 nel battistero di Reggio, la Cresima il giorno di Pentecoste del 1897, all’età di nove anni, e la Prima Comunione il 6 giugno 1901 in San Nicolò.

Nel 1907 Luisa conseguì il diploma di abilitazione all’insegnamento elementare; frequentò corsi di perfezionamento nel campo educativo e corsi di musica e lingua straniera e, successivamente, ottenne il diploma di maestra giardiniera.
Fece alcune supplenze come maestra elementare, poi si impegnò attivamente presso la Colonia-Scuola “A. Marro” di Reggio Emilia per bambini e ragazzi con disturbi psichiatrici, e nell’Istituto Ciechi. Si dedicò alla formazione morale-cristiana di giovani operaie, con conferenze ed altre iniziative; all’assistenza ai figli dei richiamati alle armi nel periodo bellico; a molteplici attività educative e di carità, sempre dando in tutto testimonianza di grande dedizione e sacrificio. Entrata a far parte del Terz’Ordine Francescano, ne divenne prima segretaria, poi ministra provinciale.

Animata da profonda fede e dal desiderio di consacrarsi a Dio, nel 1920 emetteva i voti privati di castità, povertà, obbedienza nelle mani del suo direttore spirituale, il cappuccini padre Davide da Savignano.
Due anni dopo, assieme a Margherita Bertolotti dava inizio a Roma alle “Poverelle del deserto”. Nel 1929 nell’Oratorio delle “Otto facce” di Reggio Emilia, alla presenza del cappuccino padre Daniele da Torricella, avvenne il primo raduno e la consacrazione-offerta delle prime sette “Spose del Verbo”.

Continua a leggere tutto l’articolo di Giuseppe Adriano Rossi su La Libertà del 25 luglio

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento