Messa di suffragio per Matilde di Canossa

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 29 luglio sarà un giorno da ricordare nel borgo di  Canossa. Alle ore 20,00 sul belvedere sottostante l’omonimo castello, a novecento tre anni dalla sua scomparsa, si celebrerà la Santa Messa a suffragio di Matilde di Canossa.

Il Comune di Canossa, le Contrade Canossane, l’Associazione “ Amici di Matilde” ed il centro turistico “Andare a Canossa” continuano questo impegno celebrandola con la Santa Messa Solenne che si svolgerà all’aperto, con musica e canti di un soprano e  la lettura pubblica della lettera/testamento di Matilde.

Saranno presenti Monsignor Tiziano Ghirelli e i rappresentanti del comune di Reggiolo. Sono ormai trascorsi novecento tre anni dalla sua scomparsa: era il 24 luglio del 1.115 quando, a sessantanove anni , una delle donne più potenti  del medioevo passò a miglior vita, trascorrendo i suoi ultimi mesi a Bondeno di Roncore, l’attuale Bondanazzo. 

Matilde, scelse di essere sepolta nel monastero di S.Benedetto Po esprimendo un ultimo, grande desiderio di eternità: che ogni anno, e questo fino alla fine dei tempi, venisse celebrata una messa nel giorno della sua morte.  Rimane fortunatamente traccia di questo suo profondo desiderio nei “Documenti e lettere di Matilde di Canossa”, recentemente tradotti da Santi, Fontanili, Canova,  Formizzi (Patron editore, Bologna) e nell’evangelario dell’Abbazia benedettina. 

 

 

“La Santa Messa solenne a suo suffragio – afferma Clementina Santi, assessore alla cultura e turismo del Comune di Canossa-  che noi continuiamo a celebrare per raccogliere una sua eredità ben precisa, in modo tale che affiori questo suo importante aspetto di religiosità e fede, e non avendo avuto eredi diretti, ha lasciato questo impegno alla Chiesa . Questa messa inoltre, non vuole essere solo un atto rituale, ma va anche a sottolineare un altro aspetto importante dell’opera di Matilde: la sua attenzione alla vita religiosa, a quella della Chiesa e alla vita dei poveri. Nella lettera a cui verrà data lettura pubblica, emerge proprio questo aspetto. Quindi non solo le cento chiese ,non solo donazioni, ma anche  un impegno concreto per i conventi benedettini ad apparecchiare e a preparare ogni sera alla mensa del cenobio, finchè  sarà in vita, cibo per i poveri”.

Per info: biblioteca di Canossa tel TEL 0522248423

 

 Federica Soncini

Pubblicato in Archivio

Lascia un commento