Un murales per il parco del Multiplo

Stampa articolo Stampa articolo

Il progetto si propone di coinvolgere le giovani generazioni e sensibilizzarle alla tutela dei beni culturali intesi come luoghi di comunità

Liceo Artistico statale Gaetano Chierici e Comune di Cavriago insieme per la diffusione della cultura e dell’arte. Il Comune di Cavriago pone tra le sue finalità la promozione d’iniziative e attività rivolte ai giovani, allo scopo di stimolarne la creatività, il protagonismo e la partecipazione attiva alla vita della comunità favorendo progetti di cittadinanza attiva rivolti alle giovani generazioni e laboratori scolastici di vario tipo. È in questo quadro che si inserisce la collaborazione tra il Liceo Artistico G. Chierici di Reggio e il Centro Cultura Multiplo di Cavriago che  vede la realizzazione di un murales pittorico nel parco del Multiplo – nello spazio di fronte al Bar Eighth Day – nell’ambito di un percorso di  AsL (alternanza scuola-lavoro).

Il progetto è stato realizzato, da parte dei ragazzi del Chierici, attraverso un murales che interpreti il tema loro proposto dall’amministrazione dal titolo: “Quando la cultura apre la mente, quando è di tutti, quando è la strada per affrontare la complessità della società attuale”. Gli allievi del Chierici hanno presentato alcune proposte grafiche, che hanno tenuto in considerazione il Multiplo e il suo parco come un unico luogo di cultura, di gioco, di agio, di collaborazione e di tutte le realtà che vi convivono: utenti adulti, bambini, adolescenti e cittadini impegnati in attività di volontariato come l’associazione La Rondine che gestisce il chiosco del parco o i volontari Auser che curano il verde. Un’apposita commissione ha scelto il soggetto realizzato  in questi giorni.

La creazione è tutta opera dei ragazzi: dall’idea, al disegno, alla scelta dei colori – spiega l’assessore alle politiche culturali Vania Toni – Il progetto si propone di coinvolgere le giovani generazioni e sensibilizzarle alla tutela dei beni culturali intesi come luoghi di comunità e patrimonio di tutti dando ai giovani artisti la possibilità di esprimersi e di lavorare in sinergia e collaborazione con figure professionali del settore”. Sono infatti affiancati dall’architetto Giorgio Menozzi, che ha progettato il Multiplo e coordinati dal docente del Chierici Emanuele Murdaca.

Questo grande murales è il frutto dell’attività AsL svolta al termine di questo anno scolastico – spiega la dirigente del liceo Chierici, la professoressa Maria Grazia Diana – è un’ opportunità che permette agli studenti di misurare le proprie competenze e di operare per la cittadinanza, di riflettere sull’importanza della cultura in modo comunicativo e con un senso estetico decorativo arricchisce i luoghi e permette di ricordare più a lungo pensieri che non devono disperdersi”.

I ragazzi coinvolti nel progetto sono: Chiara, Edilia, Mariano, Aurora, Tommaso, Lisa, Alice, Angelica, Lorenzo e Marta della classe 4D.

IL CONCETTO A CUI SI ISPIRA IL MURALES

La cultura quando apre la mente, quando è di tutti, quando è la strada per affrontare la complessità della società attuale.  La cultura è come un giardino: va coltivata e curata. Curandola, inoltre, si aggiunge inevitabilmente qualcosa dal proprio bagaglio di esperienze personali. Così grazie al contributo di ciascun singolo, si crea un patrimonio di tutti, senza distinzioni di età, genere, etnia, ed estrazione sociale. Ho scelto colori vivaci e luminosi su uno sfondo bianco per trasmettere purezza ed energia. Energia vitale in continua evoluzione e trasformazione. Energia che può e deve essere tramandata di generazione in generazione. Una vera e propria, effettiva, “rotazione delle culture”, in entrambi i sensi del termine che si fondono in un unico murales.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento