Un francobollo celebra il bicentenario della nascita di padre Secchi

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 28 giugno 1818, ore 19.45. Nasceva in Reggio, in via Porta Brennone, il gesuita padre Angelo Secchi, astronomo e fondatore dell’astrofisica.
La data e l’orario esatto della nascita “heri vesperi hora 7¾, septima cum tribus quadrantibus” è riportata nel registro dei battezzati: il piccolo Angelo, Francesco, Ignazio, Baldassarre ricevette il battesimo il giorno dopo, lunedì 29 giugno, nel nostro Battistero.
Giovedì 28 giugno 2018, Roma: a distanza esatta di duecento anni e alla stessa ora della nascita, Aldo Altamore, dell’Università Roma 3, ha illustrato nella prestigiosa sede dell’Osservatorio Astronomico di Monte Mario il francobollo commemorativo che le Poste Italiane hanno emesso nell’occasione del bicentenario.

Nel suo intervento Altamore ha anche ripercorso la vicenda drammatica dell’incendio che nel 1958 distrusse il prezioso telescopio equatoriale Merz utilizzato da padre Secchi nell’Osservatorio del Collegio Romano e poi trasferito a Monte Mario.
Prima lui, Ileana Chinnici, dell’osservatorio Astronomico di Palermo, che sta dando alle stampe una monumentale biografia del gesuita-astronomo, ha sottolineato la rilevanza sul piano scientifico di padre Angelo Secchi, definendolo un “personaggio inclusivo” in quanto riusciva a coinvolgere nelle sue ricerche tanti studiosi.

Continua a leggere l’articolo su La Libertà dell’11 luglio

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento