Morbillo e rosolia, dati preoccupanti in Italia

Stampa articolo Stampa articolo

Dal 1 gennaio al 31 maggio 2018, 20 Regioni hanno segnalato al Sistema nazionale di sorveglianza integrata morbillo e rosolia, 1716 casi di morbillo (ben 397 nel mese di maggio), inclusi 4 decessi. Il Molise è l’unica Regione a non avere segnalato casi nel periodo indicato.

L’84% dei casi è stato segnalato da 5 Regioni (Sicilia, Lazio, Calabria, Campania e Lombardia), di cui la Sicilia ha riportato l’incidenza più elevata. L’età mediana dei casi è stata 25 anni. Sono stati segnalati 346 casi tra bambini con meno di cinque anni di età, tra cui 107 bambini sotto l’anno.

Il 91,9% circa dei casi era non vaccinato, e un ulteriore 5% aveva ricevuto solo una dose. Quasi la metà dei casi (49%) ha sviluppato almeno una complicanza, mentre il 59,2% dei casi totali è stato ricoverato. Sono stati segnalati 68 casi tra operatori sanitari. Ne 2018 sono stati segnalati 11 casi di rosolia, di cui 2 nel mese di maggio.

Lo riferisce il bollettino mensile sulla sorveglianza del morbillo e della rosolia di giugno 2018 prodotto dall’Istituto Superiore di Sanità.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento