Don Giuseppe Bassissi: 60 anni di missione e un «inno alla carità»

Stampa articolo Stampa articolo

Albinea

Domenica 24 giugno la comunità di Albinea si è stretta intorno al suo parroco emerito, don Giuseppe Bassissi, per rendere grazie a Dio per i suoi 60 anni di consacrazione come presbitero diocesano. Di questi 60 anni, ben 51 don Giuseppe li ha spesi ad Albinea. Un vero missionario del Vangelo della Carità.
Don Giuseppe ha vissuto il suo ministero spendendosi in mezzo alla gente, per 24 ore al giorno, tutti i giorni. è sempre entrato nelle case di tutti. Tutti gli hanno aperto le porte, così come sempre aperta era la porta di casa sua. Anche quando era a tavola, se qualcuno arrivava, lasciava lì il pranzo per ascoltarlo e rispondere alla sua necessità: grande o piccolo, uomo o donna, nero o bianco, ricco o povero, non faceva nessuna differenza. Sempre il primo ad offrirsi, anche oggi, quando c’è un servizio da fare.

Un vero missionario della Carità evangelica. Un vero ministro “in persona Christi”, nel senso che si è dato, sacrificato per gli altri, offrendo tutto se stesso per la sua comunità, con grande capacità di apertura verso il paese e la società civile. Nella sua apertura umana ed evangelica ha saputo vedere il bene in ogni persona, senza riserve mentali o preconcetti e ha saputo anche prevenire i bisogni della gente, prima che venissero manifestati. Questo vale anche per la sua apertura ecclesiale: si è mantenuto e si mantiene anche adesso aggiornato e aperto ai cambiamenti post-conciliari, disponibile a studiare, a modificare i propri schemi, a confrontarsi con nuove esperienze. Aperto anche ai contributi che possano venire da persone preparate e spirituali: in 50 anni sono state tantissime le occasioni offerte a tutti per approfondire questioni di grande rilevanza o per insegnamenti.

Continua a leggere l’articolo su La Libertà del 27 giugno

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento