Alessandra Anafi, da Poviglio al Mozambico

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo Sierra Leone e Angola ora è la volta del Mozambico. Alessandra parte insieme al fidanzato per costruire una vita insieme, per ora in Africa

Dopo aver conosciuto la Tanzania, la Sierra Leone e l’Angola, Alessandra Anafi, di Poviglio (RE) dal 6 giugno si trova in Mozambico, dove è la coordinatrice amministrativa di tutti i progetti di Medici con l’Africa Cuamm nel paese. Una laurea in Istituzione e politiche dei diritti umani e della pace, ha ricoperto il ruolo di amministrativa di Medici con l’Africa Cuamm, a Lunsar in Sierra Leone, dove è arrivata subito dopo l’Ebola nel 2015 e poi a Luanda, in Angola, dove è rimasta 1 anno come referente amministrativa di tutti i progetti.

«Del Cuamm apprezzo soprattutto la filosofia e i principi che ne ispirano l’intervento. In questi anni trascorsi in Africa ho imparato che è indispensabile avere la massima flessibilità, ascoltare lo staff e le persone che collaborano con noi – afferma Alessandra Anafi -. Il mio obiettivo è quello che i locali siano davvero responsabilizzati e valorizzati, così che imparino a “camminare con le loro gambe”. In Angola sono riuscita a sperimentarlo e a dare spazio agli angolani che lavoravano con me: questo dà molta soddisfazione». E prosegue: «Parto con Enrico, il mio fidanzato. Non so se la nostra vita sarà per sempre in Africa, però vogliamo stare insieme, che sia qui in Italia o lì in Africa».

La partenza di Alessandra Anafi rinforza il rapporto tra Medici con l’Africa Cuamm e l’Emilia Romagna, dove è da tempo attivo il gruppo di appoggio Medici con l’Africa Cuamm Modena/Reggio Emilia e di recente anche Medici con l’Africa Cuamm Ferrara, che con le loro iniziative di sensibilizzazione aiutano a diffondere i valori di Medici con l’Africa Cuamm e a portare l’attenzione sul tema della salute dei più poveri in Africa. In oltre 60 anni di storia, sono oltre 100 i medici e i volontari originari di questa regione partiti con il Cuamm per l’Africa.

È possibile sostenere il lavoro dei medici del Cuamm con una donazione su c/c postale 17101353 e online su www.mediciconlafrica.org; con 40 euro è possibile garantire il parto assistito a una futura mamma.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento