“Siamo a Casarsa, sono le sei, ricordo”

Stampa articolo Stampa articolo

VENERDI’ 8 GIUGNO alle 17,30 presso la sala conferenze del Museo Diocesano viene recuperato l’incontro “Siamo a Casarsa, sono le sei, ricordo” dedicato al poeta Pier Paolo Pasolini e alla sua visione del paesaggio novecentesco. Introdotto da Davide Zanichelli, presidente della Fondazione Palazzo Magnani, l’appuntamento vedrà il coinvolgimento del fotografo friulano Elio Ciol che con i suoi scatti ai luoghi pasoliniani – la chiesa, la fontana, la panchina – sembra rievocare le poesie dialettali, semplici e autentiche di Pasolini, in dialogo con Diego Varini, docente dell’Università di Parma e Piero Colussi, presidente del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia. Alla conversazione è prevista anche la partecipazione straordinaria di Sua Eccellenza il Vescovo di Reggio Emilia, Monsignor Massimo Camisasca.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili. Non è necessaria la prenotazione
Per info: 0522 444446 | info@fotografiaeuropea.it

LA MOSTRA: Elio Ciol, uno dei grandi maestri della fotografia italiana, è il protagonista, nelle sedi del BATTISTERO e del PALAZZO DEL VESCOVADO, della mostra Nel soffio della storia, aperta fino al 17 giugno. Per la prima volta la Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla è entrata nel programma del Festival con una proposta fotografica di grande qualità, in luoghi carichi di suggestione che divengono temporaneamente espositivi. L’artista friulano presenta alcune delle sue serie più famose, tra cui quelle sulle rovine delle città archeologiche libiche e siriane come Palmira e Lapis Magna, quelle dense di poesia dei suoi paesaggi lirici ed evocativi e, infine, quella straordinaria sul conterraneo Pier Paolo Pasolini.

Pubblicato in Archivio

Lascia un commento