Principesse inquiete e passeggeri surreali

Stampa articolo Stampa articolo

PER GLI SPETTACOLI DI FINE ANNO DELLA SCUOLA DI TEATRO DI GUASTALLA            Spettacoli:  28 e 29 maggio 2018 alle ore 20,45  Prevendita biglietti: lunedì 21 e giovedì 24 maggio

Anche quest’anno gli allievi attori della Scuola di Teatro di Guastalla ARS Ventuno vanno in scena con due spettacoli che raccolgono il loro lavoro annuale.

Il 28 maggio 2018 alle ore 20,45 è la volta di PRINCIPESSE FATALI serata dedicata agli allievi più giovani che mettono in scena due lavori tra loro molto diversi curati da Anguelina Tcherkezova:CENERENTOLA, divertente e originale edizione della celebre fiaba di Perrault interpretata da ragazzi dai 5 ai 12 anni ed ELETTRA di Hofmannsthal raffinata messinscena interpretata dagli attori dai 15 ai 19 anni del programma superiore Ars Ventuno Mechanè Teatro.

Il 29 maggio 2018 sempre alle ore 20,45 è di scena GIORNI FELICI. Parafrasando Beckett questa serata dedicata al teatro surreale vede luoghi metafisici, situazioni paradossali, dialoghi assurdi e deliranti orchestrati in uno spettacolo, dal profilo inquietante, interpretato dagli allievi attori dei corsi Base di Guastalla. I testi sono frammenti tratti da Ionesco, Vallentin, Valeri e lo stesso Beckett messi in scena da Antonella Panini, direttrice della scuola e Anguekina Tcherkezova.

Ars Ventuno Teatro Guastalla collabora con la Pubblica Amministrazione di Guastalla nell’organizzazione di eventi teatrali sul territorio, laboratori scolastici, progetti formativi e di impegno sociale, corsi e seminari nel comune accordo di diffondere il teatro come patrimonio culturale della comunità e sintesi di più linguaggi artistici.

Gli spettacoli vanno in scena al Teatro Ruggeri di Guastalla

Ingresso: Intero 8 euro – Ridotto 5 euro (giovani fino ai 18 anni e soci ars ventuno)

Prevendita: lunedì 21 e giovedì 24 maggio presso la sede di Ars Ventuno a Guastalla

Info e prenotazioni: 3407349689 – arsventunoguastalla@gmail.com

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento