Amicizia e solidarietà al Gran Premio «Valerio Torelli»

Stampa articolo Stampa articolo

Grande successo del 13° Gran Premio “Valerio Torelli”, la tradizionale gara di bocce per persone diversamente abili e amici, svoltasi a Canolo (Correggio) domenica 29 aprile. Otto le squadre scese in campo, costituite da aderenti a varie associazioni: l’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di persone disabili) di Correggio, l’USHAC (Unione Sportiva Portatori di Handicap di Carpi), la Fondazione Dopo di Noi ed i volontari del SAP (Servizi alla Persona).
Alle 12.30 è stato deposto un mazzo di fiori sulla lapide dedicata a Valerio nel giardino antistante il bocciodromo. Alla cerimonia sono intervenuti la sindaca di Correggio Ilenia Malavasi, la presidente dell’ANFFAS Claudia Guidetti, la coordinatrice del Gruppo Progetto Valerio Ivonne Begotti e il presidente della Polisportiva Canolese Gianni Catellani.

Il pranzo è stato offerto dalla Polisportiva Canolese. I volontari hanno preparato ottimi piatti tipici della cucina emiliana. Tutti i giocatori sono stati premiati con prodotti forniti da ditte locali.
A conclusione della giornata, sono stati donati 500 euro alla Fondazione Dopo di Noi.

A 15 anni dalla scomparsa dell’ex studente dell’Its Einaudi Valerio Torelli, l’impegno del gruppo Progetto Valerio per sensibilizzare i giovani alle problematiche delle persone disabili prosegue con assiduità. Domenica 29 aprile la soddisfazione è stata duplice, poiché anche un altro ex studente – Francesco Messori, diplomatosi all’Einaudi nel 2017 – ha promosso una camminata non competitiva per finanziare la squadra nazionale di calcio amputati che parteciperà ai Mondiali in Messico.

Continua a leggere l’articolo su La Libertà del 16 maggio

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento