Reggio Emilia aderisce all’iniziativa ‘Musei iperconnessi’ con aperture straordinarie, eventi e spettacoli

Stampa articolo Stampa articolo

“Musei iperconnessi, nuovi approcci, nuovi pubblici” è questo il tema che sabato 19 maggio condurrà il pubblico alla scoperta dei Musei Civici di Reggio Emilia per celebrare la Notte europea dei Musei 2018.

EVENTI – A Palazzo dei Musei protagonista la mostra “On the road”

La Notte dei Musei sarà aperta da In-Corpora, spettacolo itinerante a cura del Centro Etoile, che inizierà, ovvero ‘partirà’, alle ore 21 dal Palazzo del Comune in piazza Prampolini con un percorso animato per rendere omaggio alla scultura di Marco Emilio Lepido e proseguirà poi dalle 21.15 circa (e a ripetizione fino alle ore 24) a Palazzo dei Musei per proporre performance, installazioni e momenti teatrali dedicati alla mostra On the road. Si tratta di un evento-performance creato ad hoc che porta in scena gli allievi di Lab Academy, alcuni allievi della Scuola di alta formazione per le arti dello spettacolo di Fita Itaf e allievi della scuola di teatro di Etoile. Gli attori si muoveranno tra le sale e i corridoi dell’antico Palazzo dei Musei tracciando, in un gioco di movimenti, percorsi e parole, la loro Via Emilia.

A seguire, dalla Mezzanotte alle 2, nel Chiostro dei Marmi romani, il concerto di Torso Virile Colossale “Il cinema peplum in musica”. Torso Virile Colossale è un nuovo progetto musicale, a cura di Alessandro Grazian, che omaggia la grande stagione del cinema mitologico italiano attraverso l’esecuzione di composizioni originali a tratti irruenti e a tratti sognanti, che fanno da commento sonoro alle proiezioni di pellicole ‘cult’ del cinema mitologico italiano: da Ercole a Maciste, dalle avventure degli Argonauti ai Ciclopi.

Per i più piccoli e le famiglie, dalle 21.15 ci sarà “Musei in Giallo”, gioco fra le collezioni per famiglie a cura de’ Il Museo dei ragazzi. La squadra investigativa delle Macchine Celibi attenderà chiunque si ritenga portato per l’investigazione, presso il Palazzo dei Musei. Ogni partecipante dovrà esplorare il museo con occhio attento in cerca delle deposizioni e delle tracce dei “sospettati” per tentare di individuare il “colpevole”.

L’iniziativa “Musei in Giallo”, è stata realizzata grazie al contributo degli studenti del liceo classico-scientifico Ariosto-Spallanzani. Gli studenti, durante un progetto di alternanza scuola-lavoro, hanno redatto la trama principale del Giallo e selezionato i personaggi storici da coinvolgere, facendo riferimento alle diverse collezioni presenti nel Palazzo.

Alla Galleria Parmeggiani, nell’ambito di Reggionarra, si terranno “I lettini delle storie” (dalle 18.30 alle 21.30 ogni 30 minuti, iniziativa a pagamento presso la biglietteria  de’ I Teatri). Sempre alla Parmeggiani, alle 20, “Cosa ne faremo del futuro? Fotogrammi sulla linea del tempo”, set fotografico a cura di Francesca Catellani (accesso con biglietto di Fotografia Europea). 

Perfettamente “connessi” alla Notte anche gli altri luoghi legati alle celebrazioni della Via Emilia:

– al Museo Diocesano, sarà visitabile la Cappella Coccapani e si terranno visite guidate alla mostra “Ego Sum Via” con intermezzi musicali (ore 20.15, 21.15, 22.15);

– allo Spazio Credem di Palazzo Spalletti Trivelli, visite guidate in gruppi alla mostra “Regium Lepidi Underground”, senza necessità di prenotazione, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 (ultimo ingresso ore 17.30).

MUSEI DIGITALI – Il capitolo “Musei digitali” propone una nuova app per conoscere le opere principali delle collezioni, ma anche i luoghi più significativi in città – QRcode per didascalie potenziate delle bacheche e un’audioguida che dà voce ai protagonisti della antica Regium Lepidi. Sabato 19 maggio, aperture straordinarie con spettacoli, musica e visite guidate.

Tramite la nuova app del sistema museale reggiano, realizzata grazie al contributo di IBC Emilia Romagna, si potranno avere informazioni riguardanti i musei cittadini, consultare gli orari di apertura, visualizzare le principali opere, conoscere particolari percorsi tematici o eventi. Grazie alla tecnologia beacons all’interno del museo saranno visualizzati, percorrendo le sale, i punti di attrazione principali e i “pezzi forti” delle varie collezioni, mentre i gps point daranno informazioni su particolari luoghi o monumenti mentre si passeggia in città.

Sempre tramite la app, sono fruibili anche le audioguide del Museo del Tricolore e della Galleria Parmeggiani che accompagnano il visitatore sala per sala nell’esplorazione di questi due importanti luoghi e delle loro collezioni.

Tramite QRcode sia la collezione storica di Lazzaro Spallanzani, che la sezione di paleontologia di Gaetano Chierici – veri gioielli del Palazzo dei Musei e della rete museale cittadina – possono essere visitate con l’ausilio di didascalie di approfondimento che, vetrina per vetrina, spiegano origini, luoghi di ritrovamento, significati, aneddoti e storia degli oggetti esposti.

Sempre tramite QRcode è inoltre possibile attivare l’audio-percorso “Ascolta la mia storia!” che, grazie alla collaborazione con Insieme per il Teatro, fa rivivere le storie degli abitanti di Regium Lepidi narrate dalla voce dei protagonisti. E così anche MCREteens, la fanzine digitale dedicata al pubblico degli adolescenti, rielaborando le narrazioni testuali e visive della mostra “On the road”, propone in chiave scherzosa i temi riguardanti la Via Emilia e il suo fondatore per coinvolgere il pubblico dei più giovani e avvicinarlo alla storia più antica della città. 

Questi strumenti ampliano le possibilità di accedere alle collezioni museali dal web, aumentando la capacità del museo di accrescere la propria audience e di raggiungere nuovi pubblici: obiettivo già dichiarato dall’adesione al progetto Google Arts & Culture, attivato nel 2013, che consente la condivisione di immagini ad alta definizione di opere delle collezioni museali con le istituzioni culturali di tutto il mondo.

Grazie a Google Arts & Culture è stato possibile realizzare anche visite virtuali che consentono di visualizzare le collezioni museali rimanendo a casa.

Recentemente, è stato inoltre potenziato il sistema di connessione wi fi all’interno del Palazzo dei Musei, dove oggi sono disponibili 37 hot spot in interno e 2 all’esterno dell’edificio; mentre lo stesso servizio è stato installato ex novo alla Galleria Parmeggiani e al Museo del Tricolore, che in precedenza ne erano sprovvisti.

APERTURE STRAORDINARIE – In occasione della Notte dei Musei, le diverse sedi museali effettueranno un’apertura straordinaria e saranno visitabili anche in orario serale.

Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1

apertura ore 21.15 – 02

Museo del Tricolore, piazza Casotti, 1
apertura ore 21-23

Torre del Bordello, piazza Casotti, 1
apertura con visita accompagnata ore 21 – 23 (info: IAT tel. 0522/451152)

Museo della Basilica della Ghiara, corso Garibaldi, 44
apertura con visita guidata ore 21

Galleria Parmeggiani, corso Cairoli, 2

apertura ore 18.30 – 23

Museo Diocesano, via Vittorio Veneto 6
apertura  dalle ore 20 alle 23

Spazio Credem, via Emilia San Pietro 6

Visite guidate a gruppi senza prenotazione dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 (ultimo ingresso ore 17.30).

Pubblicato in Archivio

Lascia un commento