Un pranzo per Anffas

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 6 maggio, in una bellissima quanto inaspettata giornata di sole,  a Pieve Saliceto,  presso il circolo Antonio Ligabue,  si è tenuto  l’evento “Io pranzo nel blu…e tu?” .

L’obiettivo di questa iniziativa è stato quello di raccogliere fondi per realizzare progetti di inclusione e autonomia per  bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico che vivono nel territorio della Bassa Reggiana.

L’iniziativa ha registrato una grande partecipazione, dimostrando,  se mai ce ne fosse stato bisogno,  che il territorio è molto sensibile nei confronti della problematica dell’autismo infantile e ha risposto  con  grande generosità alla richiesta di aiuto di questi genitori e dei loro figli  “speciali”.

Le famiglie di questi bambini e adolescenti ringraziano l’Associazione Anffas di Guastalla, in particolare il presidente Gozzi Paolo e il suo staff, che le hanno aiutate ad organizzare l’evento.

Un ringraziamento speciale al Circolo “Antonio Ligabue” di Pieve Saliceto e ai suoi volontari  che, oltre ad aver messo  a disposizione gli  spazi della struttura, si sono prodigati gratuitamente per preparare un ottimo pranzo per tutti i presenti; a Patrizia, Claudio, Mary, Stella e Piera, vere forze della natura; al DJ Mattia che ha allietato la festa con musiche e canti e all’animatrice Giusy, che ha coinvolto tutti i  bambini  con giochi di gruppo e attività ludiche.

 

Grazie anche al Sindaco di Gualtieri Renzo Bergamini, in rappresentanza dei suoi colleghi dell’Unione Bassa Reggiana e all’assessore Antonella Veronesi, che, con la loro presenza, hanno fatto  sentire a queste famiglie  il  sostegno delle istituzioni del territorio.

E in ultimo, ma non da ultimo, un ringraziamento speciale a tutti coloro che , a vario titolo, hanno partecipato all’evento, contribuito economicamente all’iniziativa con donazioni personali e dato il proprio appoggio nelle forme più svariate.

Le famiglie, che hanno fortemente voluto organizzare questo evento,  sperano di riuscire a coinvolgere altri genitori che vivono questa difficile situazione e, quotidianamente, si adoperano per aiutare i loro bimbi “speciali” ad acquisire le autonomie necessarie per raggiungere un’effettiva ed efficace inclusione nella società.

Coloro che fossero interessati a conoscere questo gruppo di genitori o volessero semplicemente saperne di più, possono contattarli al seguente indirizzo mail: anffascuoreblu@libero.it

Grazie di cuore a tutti.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento