Si prega per i martiri di oggi col vescovo Monari

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 9 maggio

In occasione della festa liturgica del seminarista martire, il Comitato Amici di Rolando Rivi propone a tutti un momento di preghiera per i martiri contemporanei e un gesto di aiuto alla Chiesa che soffre. L’appuntamento è domenica 27 maggio alle ore 17.45 sul piazzale antistante la Ceramica San Valentino, in via Manganella 4, a Castellarano, nello stesso luogo in cui, nel maggio del 1945, il popolo cristiano accolse il papà Roberto che riportava al suo paese la salma del figlio Rolando ucciso in odio alla fede.

Da questo punto di ritrovo, alle ore 18 partirà la processione per la libertà religiosa, con canti e preghiere, verso la Pieve di San Valentino, via Rontano 7, Castellarano, dove, alle ore 18.30, il vescovo emerito di Brescia monsignor Luciano Monari celebrerà la Santa Messa. In questa occasione vi sarà l’esposizione straordinaria del corpo del Beato Rolando, avvolto in seta bianca e nastri rossi, in un’urna di cristallo, alla venerazione dei fedeli.

Tutte le offerte raccolte durante la celebrazione serviranno a sostenere il progetto AVSI con cui portiamo aiuto alla Chiesa perseguitata in Iraq. Dopo la cacciata dei miliziani dello Stato islamico, infatti, molte famiglie stanno tornando nei loro paesi e trovano le chiese devastate, le scuole distrutte, le case, marchiate con la nun di Nazareno, saccheggiate.
Mancano acqua ed energia elettrica, c’è bisogno di tutto per riprendere la vita. In particolare il progetto AVSI punta alla ricostruzione e al funzionamento della scuola cattolica delle suore domenicane per i bambini di Qaraqosh, nella piana di Ninive. Accogliere ed educare i bambini è il primo segno di speranza per un paese che vuole tornare a vivere.
Un volontario AVSI, al termine della santa Messa, porterà una testimonianza sulla sofferenza vissuta dalla popolazione irachena, ma anche sulla straordinaria esperienza di fede incontrata in quei luoghi.

Emilio Bonicelli

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento