Contributi a fondo perduto per l’innovazione: la Camera di Commercio spega le modalità di accesso

Stampa articolo Stampa articolo

Sostegni sino a 150.000 euro per singola azienda. Seminario il 10 maggio

Possono giungere fino a 150.000 euro per singola impresa i contributi a fondo perduto che la Regione Emilia-Romagna mette a disposizione delle aziende che intendono investire in innovazione di processo, di prodotto o di servizio per aumentare la competitività, favorire percorsi di consolidamento e diversificazione e promuovere sviluppo sostenibile.
Proprio di questo bando (l’azione 3.1.1. del Por-Fesr 2014-2020) e delle modalità di presentazione delle domande di contributo si parlerà giovedì 10 maggio alle 10,00 in Camera di Commercio (Piazza della Vittoria n.3), dove sono invitate le piccole e medie imprese reggiane beneficiarie di questi sostegni pubblici.
I contributi a fondo perduto possono coprire il 20% della spesa ammissibile a fronte di investimenti realizzati tramite il ricorso a finanziamenti a medio/lungo termine erogati dal sistema bancario e creditizio e in sinergia con gli interventi di garanzia diretta da parte del sistema regionale dei confidi e con controgaranzia di Cassa Depositi e Prestiti (Fondo EuReCa).
Il contributo è aumentato del 5% per progetti che prevedono un incremento occupazionale, presentati da imprese femminili e/o giovanili,  oppure  presentati da imprese con rating di legalità.
Un ulteriore aumento del 10% è previsto nel caso in cui le sedi operative o unità locali oggetto degli interventi siano localizzate nelle aree montane della Regione.
Tra gli interventi ammissibili ci sono gli investimenti produttivi ad alto contenuto tecnologico che, attraverso un complessivo ammodernamento degli impianti, dei macchinari e delle attrezzature, siano idonei a favorire l’innovazione di processo, di prodotto o di servizio e abbiano
ricadute positive su uno o più dei seguenti aspetti:
– il miglioramento dei tempi di risposta e di soddisfacimento delle esigenze dei clienti;
– il supporto all’adozione delle tecnologie abilitanti nei processi produttivi;
– la riduzione degli impatti ambientali dei sistemi produttivi;
– il miglioramento della sicurezza delle imprese e dei luoghi di lavoro.
Nel corso dell’incontro del 10 maggio, organizzato dal Punto Impresa Digitale della Camera di Commercio di Reggio Emilia in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e Unioncamere Emilia-Romagna, i funzionari della Regione illustreranno le modalità di presentazione delle domande, che potranno essere inviate nei periodi 5 giugno-19 luglio o 4 settembre-28 febbraio 2019. 

Per partecipare al seminario – gratuito – è obbligatoria l’iscrizione online sul sito www.re.camcom.gov.it 

Per informazioni:
Punto Impresa Digitale (PID) – tel. 0522/796 523-532-233, email:pid@re.camcom.it.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento