“Tutto nasce dal Basso” all’Istituto musicale Peri-Merulo

Stampa articolo Stampa articolo

Tutto nasce dal Basso, una lezione-concerto sulla pluralità musicale

Sabato 5 maggio, ore 17, secondo appuntamento della rassegna “L’Orecchio del Sabato” con Amerigo Bernardi (contrabbasso), Luca Franzetti (violoncello) e le musiche di Boccherini e Rossini

Una parola, “basso”, e una molteplicità di significati. Sabato 5 maggio, ore 17, nell’Auditorium G. Masini dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Peri-Merulo”Luca Franzetti Amerigo Bernardi accompagneranno gli spettatori alla scoperta di questa parola dai tanti significati: “basso”, in musica, vuol dire molte cose. Dallo strumento musicale in grado di produrre suoni nel registro grave alla funzione di accompagnamento e sostegno armonico di una melodia, alla pratica barocca del basso continuo. I bassi sono versatili e possono coprire una vasta gamma di ruoli, come dimostra il loro impiego nei diversi generi musicali e come i grandi compositori hanno saputo esprimere ed esaltare. Tutto sul basso nel racconto di due interpreti straordinari, uniti e antagonisti, attraverso i passi orchestrali da Beethoven Wagner fino a Mahler e il repertorio da camera che hanno fatto la grande letteratura del violoncello e del contrabbasso con l’esecuzione integrale di composizioni di Boccherini e Rossini. L’appuntamento, inserito nella rassegna L’Orecchio del Sabato, organizzata dalla biblioteca “A. Gentilucci” dell’Istituto Musicale, prosegue la promozione di una concezione plurale della musica, assumendo una conoscenza profonda delle specificità che riguardano i diversi generi e funzioni, partendo dal presupposto che, se nessuna musica è totalmente priva di una dimensione estetica, qualsiasi musica non può avere il valore di qualsiasi altra.

Luca Franzetti, è docente di violoncello presso l’Istituto Musicale “Peri-Merulo”. Oggi la sua carriera si focalizza sul repertorio solistico; esegue regolarmente recitals e concerti da solista in Italia, Svizzera Norvegia e Giappone, alcuni dei quali trasmessi sul canale Sky Classica HD. Si era già esibito con grandi musicisti provenienti da esperienze molto diverse tra loro, Christopher Hogwood, Mario Brunello, Giovanni Sollima, Wolfram Christ, Lucio Dalla, Enzo Jannacci, Steward Copeland, Fabio Vacchi, Bruno Giuranna. Oggi la sua carriera continua con progetti a metà tra la ricerca musicale continua e il bene che essa può portare nella società. Ha esordito nel 2017 al Teatro Piccolo di Milano con “Back to Bach”, un dialogo fatto di musica e parola, un viaggio tra passato e presente guidati dalle Suites per violoncello composte da Bach.

Amerigo Bernardi dal 2007 è docente di contrabbasso presso l’Istituto Musicale Peri-Merulo di Reggio Emilia. Ha lavorato in numerose orchestre come Orchestre National de Lyon, una delle più prestigiose orchestra francesi, Mahler Chamber Orchestra, una delle migliori orchestre da camera al mondo e la New York Phiharmonic Orchestra. Si dedica moltissimo alla formazione giovanile orchestrale. Intensissima anche l’attività di docente in varie summer class, sia in corsi strumentali individuali che come tutor di celli e bassi: Cantiere Internazionale di Montepulciano, Orchestra Giovanile Italiana, Orchestra Giovanile di Domodossola, Orchestra da Camera di Domodossola.

Ingresso libero fino a esaurimento di posti disponibili

Per informazioni:

Biblioteca “Armando Gentilucci”

Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti – Sede centrale “Achille Peri”– via Dante Alighieri, 11 42121 Reggio Emilia

Tel. 0522/456772

E-mail: biblioperi@municipio.re.it

Sito: http://www.municipio.re.it/peri_biblioteca

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento