“Forme d’arte. Capriccio reggiano”

Stampa articolo Stampa articolo

“Forme d’arte. Capriccio reggiano” è il titolo della prima edizione del concorso,  promosso dal consorzio del Parmigiano Reggiano, Provincia, Liceo artistico statale Gaetano Chierici, con La collaborazione del consorzio di Bibbiano La Culla e l’associazione Linea Comunicazione. Il concorso è sfociato in una mostra e nel relativo catalogo, prodotto con i lavori di 32 studenti di della classe VD e VF del liceo  Gaetano Chierici, indirizzo figurativo.

L’evento si è collocato all’interno della manifestazione Caseifici aperti e si è tenuto  nella sede del consorzio del Parmigiano Reggiano da sabato 28 a  ieri, domenica 29 aprile, e alle 11 c’è stata la premiazione dei migliori lavori prodotti dagli studenti. I ragazzi del Chierici, coordinati dai docenti Savina Lombardo e Sergio Zancoghi hanno trasformato simil forme di Parmigiano Reggiano in prodotti che, pur ricordando la forma classica del re dei formaggi, rievocano la storia, le tradizioni, l’ambiente di questo prodotto, che è l’oro della nostra terra, con tecniche miste: collage polimaterico, acrilico, olio, pastello, acquerello, carboncino, matite colorate.

Lorenzo Pinetti ( presidente della sezione reggiana del consorzio del Parmigiano Reggiano) afferma:  ”L’arte è bellezza e tecnica che parte dalle mani, come per la preparazione del re dei formaggi poi c’è il gusto, che lega la forma e l’arte: vogliamo creare una sinergia sempre più profonda e proficua tra le eccellenze del nostro territorio. Ogni forma di forma di Parmigiano Reggiano è una forma d’arte, l’una diversa dall’altra proprio come quelle artistiche realizzate dagli studenti di VD e VF, indirizzo Figurativo, del liceo artistico Chierici, per  questa I edizione del concorso: Forme d’arte. Capriccio reggiano’. Sono tutte belle, ognuna meritevole di essere premiata. Si sono unite 2 forme d’arte, che creano un felice connubio che dovrà durare a lungo”. Michele Medici, curatore della mostra e del relativo catalogo, aggiunge: ”Forme d’arte  è frutto di un sogno realizzato con Linea di Comunicazione, il consorzio del Parmigiano Reggiano e, soprattutto, gli studenti che hanno sviluppato la loro creatività sul tema del capriccio, che nella storia dell’arte  mostra i capolavori più intesi di diversi autori, da Tiepolo a Goya. Lo stesso hanno fatto i ragazzi del Chierici e le loro opere si innestano nella realtà unica dell’Italia per cultura e arte, che questo progetto promuove”. Negli interventi del catalogo anche quelli della dirigente Maria Grazia Diana, che scrive: ”Gli studenti dell’indirizzo figurativo del Chierici hanno operato sul fronte della fascia circolare e sulla parte rotonda, e le forme colorate e rese con tecniche varie sono diventate un mezzo nuovo di comunicazione per evidenziare la reggianità e l’eccellenza di un prodotto grazie all’immaginazione ed allo sguardo nuovo degli studenti del liceo artistico”. E, sullo stesso tenore l’intervento scritto di Ilenia Malavsi (vicepresidente Provincia), che chiosa: “Gli studenti del Chierici si sono già cimentati nella promozione del Parmigiano Reggiano, il prodotto reggiano più conosciuto al mondo nel quale emergono le abilità del fare, ciò  che ha consentito di produrre  delle splendide  forme, che  è la stessa abilità che ritroviamo nei ragazzi del Chierici ai quali abbiamo chiesto  di reinterpretare  quelle stesse forme e loro, con i docenti, hanno fatto dei capolavori unici al mondo, che raccontano la tradizione e la cultura reggiana”. Ed ecco sfilare, fra le opere degli studenti del Chierici, una forma che rispecchia di sottinsù il Valli e la cattedrale, un antico casello di mattoni a gelosie e il ponte di Calatrava,  il Tricolore con i cappelletti, il rito delle mungitura, forme a spirale con paesaggi abbozzati a matita, un diario di viaggio, Astolfo sulla luna, Orlando furioso, l’esagono della città di Reggio, una famiglia, un girasole, la pietra di Bismantova.

Presenti alla premiazione: tre giocatori della squadra di Rugby reggiana: Davide Farolini, Armand Du Preez, Enrico Manghi.

Ha premiato il presidente Pinetti che ha donato, a nome del consorzio, una forma  interna di Parmigiano Reggiano come primo premio, una mezza al secondo classificato, un quarto al terzo e, rispettivamente, un ottavo l’uno alle due menzioni speciali

Gli studenti che hanno vinto, I premio Noemi Ferri con  Scaglia reggiana (VF); II Leonardo Crotti (il paesaggio del re dei formaggi, V D); III Viola Tasselli ( Principio di realtà, VF); menzioni  speciali: Angelo Cagnazzo, Alberto Gibertoni.

Gli studenti che hanno partecipato. VD: Chiara Bertelli, Giorgia Conte, Leonardo Crotti, Valeria Davoli, Stefano Gibertoni. Carmela Irrissito, Lisa Leoncini, Davide Pelullo, Francesca Saccardi, Alice Tosi, Fabio Sandrin.

VF:  Arianna Aldrigo, Michele Armani, Nicole Bonori, Angelo Cagnazzo, Sara Caruso Sara, Alessia Clemente, Safia El Abdaoui, Elisa Fantesini, Noemi Ferri, Maicol Fontana, Maicol Franceschi, Laura Guzzi, Sara Lusetti, Antonio Marchese, Federica Minutoli, Sofia Parrinelli, Alessandro Pelullo, Francesco Rustichelli, Matteo Sandrin, Eleonora Saverino, Davide Storchi, Viola Tasselli.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento