In Brasile missione tra la gente

Stampa articolo Stampa articolo

Incontriamo don Pacchin (Jandira) e don Grassi (Pintadas)

Abbiamo colto l’occasione della visita a Reggio Emilia in questi giorni di don Giancarlo Pacchin e don Luca Grassi, missionari fidei donum in Brasile, per fare un’intervista sulle attività che svolgono in missione. Sono arrivati mercoledì 18 aprile, con lo spirito di sempre, sereno e missionario! Sorpresi, certo, nel ritrovarsi sotto i riflettori della stampa locale per le situazioni in cui un missionario, ovunque si trovi, può imbattersi. Li abbiamo incontrati al Centro Missionario e abbiamo chiesto loro subito come stanno e come vanno le cose (un video dell’incontro si può vedere su www.laliberta.info).

“Saluto i reggiani e rassicuro tutti perché la situazione a Pintadas è tranquilla, si lavora bene, a contatto con la gente, e ogni tanto può essere che sia stato antipatico a qualcuno che mi ha fatto questi piccoli regali”, ha affermato don Luca riferendosi alle minacce e a quanto è apparso sui giornali. Da quattro anni opera nella diocesi di Ruy Barbosa (Bahia), insieme ad altri missionari inviati dalla nostra Chiesa.

A Pintadas don Luca svolge un’opera pastorale al fianco di 40 comunità nate su un territorio di 600 km² comprendente 11.000 abitanti. Qui la popolazione vive una situazione di sofferenza legata non solo al problema della droga, ma anche al problema della desertificazione con conseguente mancanza di acqua. Nello specifico, attraverso incontri di formazione, don Luca lavora con i giovani e le famiglie sulla Parola di Dio e sperimenta grande comunione tra presbiterio, laici e religiosi che periodicamente si ritrovano in diocesi.

Insieme a lui abbiamo incontrato don Giancarlo, da tutti conosciuto come don Gianchi, il “decano” dei nostri missionari in Brasile, considerati i suoi 40 anni di attività prima in Bahia, poi in Acre e infine a San Paolo (Jandira), dove aiuta i preti giovani brasiliani nell’avviare comunità e aprire parrocchie nuove.

Leggi tutto l’articolo di Elisabetta Angelucci su La Libertà del 25 aprile

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento