Nuovo Auditorium: un mix tra tecnologia, arte e tradizione

Stampa articolo Stampa articolo

Martedì 24 aprile, ore 18, sarà inaugurato il nuovo volto “tecnologico” dell’auditorium “Gianfranco Masini” con un “non convenzionale concerto d’orchestra” con il concerto “Snow Sound. Il suono nella neve”, con esecutori e solisti di alta formazione e le musiche di Beethoven e Haydn.

Un suono migliore e soffice, come dei passi nella neve. Per la prima volta in Italia un conservatorio, l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo né Monti “Peri -Merulo”, si dota di una struttura d’alta tecnologia per il suono del proprio Auditorium, dal nome evocativo Snowsound, il “suono nella neve”, studiata dall’Università di Ferrara e implementata dall’azienda brianzola Caimi Brevetti. 
 
La prima occasione per sperimentare la nuova installazione si presenterà martedì 24 aprile alle ore 18 con il concerto dell’Orchestra da Camera dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” diretta da Giacomo Pieracci e Giovanni Dattolo, allievi del Corso di Direzione del Maestro Marco Boni, con esecutori e solisti di alta formazione, come il trombettista Innocenzo Caserio e le musiche di L. van Beethoven e F.J. Haydn.
 
Oltre al rinnovamento strutturale dell’Auditorium, infatti, sono stati installati pannelli e tende speciali che contribuiranno a migliorare la percezione del suono dei tanti artisti che si avvicenderanno sul palco. La tecnologia brevettata Snowsound-Fiber è basata su morbide fibre acustiche di poliestere inter-connesse, intrinsecamente ignifughe. Fiber 1, questo il nome del prodotto brevettato, è in grado di ostacolare la crescita batterica grazie agli ioni di argento inclusi nella molecola. L’interazione fra le speciali fibre acustiche e l’aria permette di ridurre il fastidioso riverbero acustico degli ambienti, migliorando la qualità della vita e del lavoro dei musicisti. Installazioni non solo a vantaggio dell’orecchio, ma anche belle da vedere: tende rosse per le finestre che si affacciano sul chiostro interno e pannelli artistici firmati da Giò Ponti e Gino Dorflers, rendono ancora più accogliente il nuovo Auditorium “Gianfranco Masini”.
 
Ingresso libero e limitato ai posti disponibili.
 
Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento