Reggio Emilia ringrazia i volontari del verde

Stampa articolo Stampa articolo

Nei giorni scorsi, alla Polveriera, il sindaco Luca Vecchi e gli assessori a Partecipazione e Cura della città Valeria Montanari e a Beni comuni e Ambiente Mirko Tutino hanno premiato 80 tra i volontari che collaborano in modo rilevante, e con grande impegno civico, alla cura del patrimonio verde comunale. Ad oggi sono infatti circa 300 le persone impegnate nella cura di circa 1,4 milioni di metri quadrati di aree verdi cittadine.

Ai volontari è stato consegnato un attestato di riconoscimento per l’impegno profuso a favore dell’intera comunità, nonché un albero da frutto da mettere a dimora nei diversi parchi di cui si prendono cura.

La mattinata è stata anche l’occasione per presentare il percorso di rinnovo delle convenzioni del verde, già sottoscritte da numerose associazioni del territorio e grazie a cui nei giorni scorsi è ripartito lo sfalcio delle aree verdi. Sono stati infatti 32 i soggetti – tra associazioni, onlus, centri sociali e associazioni sportive dilettantistiche –  che hanno espresso parere positivo alla manifestazione di interesse chiusasi lo scorso 5 aprile per raccogliere l’adesione dei gruppi di volontari interessati: la firma dei diversi accordi è in corso in questi giorni, e si concluderà nel giro di due settimane.

Le convenzioni consentiranno di regolamentare – come previsto dalla recente normativa sul Terzo settore – i rapporti tra ente e volontari, garantendo per quest’ultimi maggiore tutela e sicurezza. Nelle convenzioni è infatti previsto un rimborso per la benzina, la copertura assicurativa garantita per le persone impegnate nella cura del verde e un coefficiente di spese generali per ogni associazione  a fronte di scontrini e fatture. Compito dei volontari è quello di sfalciare le aree di competenza ed eseguire lavori di piccola potatura dei cespugli e delle siepi.

“A nome di tutta l’Amministrazione – ha detto il sindaco Luca Vecchi – voglio esprimere un grande grazie per il lavoro quotidiano e l’impegno che i volontari offrono per la cura di un bene così importante per tutta la comunità come il verde pubblico. Un lavoro prezioso, che va oltre lo sfalcio delle aree, per assolvere anche una funzione sociale di grande valore, di presidio del territorio e a servizio alla città”.

Nel corso della mattinata di premiazione alla Polveriera sono intervenuti anche due esperti che hanno tenuto due interventi di approfondimento sul verde:  Andrea Catellani del Consorzio Fitosanitario di Reggio Emilia ha parlato de ‘Il dottore delle piante, come difendere in modo biologico i nostri giardini’, mentre Alberto Menghi della fondazione Crpa, ha parlato dell’esperienza del progetto Reko, che prevede la vendita diretta di frutta e verdura direttamente dal produttore al consumatore.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento