Il grafico e illustratore Massimo Canuti

Stampa articolo Stampa articolo

Ritorna nella Bottega d’arte di Palazzo Ducale, lunedì 16 aprile, il grafico/illustratore Massimo Canuti.

Assessorati alla Scuola e alla Cultura del Comune di Guastalla presso l’atelier di Palazzo Ducale. Sono condotti abitualmente dall’atelierista Simona Fagiani e vi partecipano diverse classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie.

Il prossimo appuntamento, in calendario lunedì 16 aprile alle 14.15, porterà gli alunni della 4B della scuola primaria Anche questa settimana sono in calendario laboratori didattici organizzati dagli di Guastalla Nella bottega d’Arte di Palazzo Ducale per incontrare il grafico e illustratore Massimo Canuti di Guastalla. Il laboratorio, dal titolo Gli Animali, approfondirà la tecnica del carboncino di cui Canuti è specialista.

Biografia Massimo Canuti

Massimo Canuti nasce a Guastalla il  08/10/59. Vive e lavora Guastalla, dove svolge la professione di  grafico ed illustratore dal 1982. Diplomato nel 1978 presso l’Istituto Statale d’Arte Toschi di Parma, alla fine degli anni ‘90 inizia un percorso di ricerca artistica nell’ambito della pittura figurativa.

Dal 2000 al <2009 ha> collaborato nella gestione della Galleria Campanon, spazio espositivo comunale curandone la comunicazione grafica e la stesura dei programmi espositivi.

Ha illustrato libri di racconti e pubblicazioni destinate agli alunni delle scuole primarie della Bassa Reggiana, fra cui “I misteri di Brugneto” e le “Quattro stagioni”, due racconti di Leonardo Tenca.

Per EDEN, cooperativa impegnata nel recupero e nella valorizzazione della golena del PO, ha realizzato “L’Abecedario del Bosco profondo” e per il <Comune di Guastalla> “l’ Ecotombola” opere entrambe destinate agli alunni delle Scuole Elementari della Bassa Reggiana.

Svolge una costante attività espositiva.

Nei loro esiti più recenti le sue ricerche hanno incrociato la fotografia e l’installazione, trasponendo anche in questi territori i soggetti già affrontati in pittura, il sogno, la memoria, il Fiume e gli animali. Significative di questo intreccio le ultime mostre in ordine di tempo “Il rischio della forma” (Palazzo dei Principi, Correggio, 2012) e “Gotico Padano” (Museo del PO, Boretto, 2013) con la sezione “…corre sul Fiume”.

Nel 2017 con la mostra ANFOTECA è arrivato secondo a Fotografia Europea 2017 Circuito Off.

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento