Torre di San Prospero Golf Cup, il golf per il restauro della Torre

Stampa articolo Stampa articolo

Il Golf Club Matilde di Canossa a San Bartolomeo ha accolto la proposta di organizzare la gara di golf che si terrà il 7 aprile il cui ricavato sarà devoluto al Comitato per il Restauro della Torre di San Prospero. La nuova gestione del Golf Club, il “Gruppo Adami” che fa capo a Paolo Adami di Mantova e il figlio Luca, Luca Favalesi e Manassero, padre di Matteo noto campione di golf, è convinta infatti che questa iniziativa sia un momento non solo di attenzione verso uno dei più importanti monumenti storici della città che va tutelato e salvaguardato, ma che, come simbolo, abbia ancora la forza di aggregare. Siamo certi che il restauro restituirà l’antico splendore della Torre e siamo quindi altrettanto certi che sarà motivo di orgoglio aver contribuito a questo progetto sperando di essere esempio per altri.

Il golf è condivisione e passione, amore per la natura, valori da coltivare e diffondere attraverso iniziative analoghe aprendoci a proposte che riescano unire lo sport, la cultura, il piacere di stare insieme e la salute. Il Golf club ha aderito inoltre al progetto del Comune di Reggio Emilia “Quartiere bene comune” e ospiterà i laboratori di cittadinanza legati al tema del verde e della biodiversità.

Un momento della conferenza stampa per la presentazione dell’evento, avvenuta all’Hotel Posta di Reggio Emilia,

Come ha scritto di recente Ugo Pellini nel suo libro Gli alberi narrano. Storia botanica di Reggio Emilia (2018): “il campo da golf di san Bartolomeo è caratterizzato da una estrema varietà di specie grazie al torrente Quaresimo. Tra le essenze più pregiate è da notare la presenza dell’Ontano nero, esemplare certamente tra i più importanti esistenti in tutto il territorio comunale oltre che ad altre numerose e interessanti specie botaniche che caratterizzano il paesaggio di quel luogo”.

In questo scenario e in questo formidabile polmone verde a pochi passi dalla città, la nuova gestione desidera aprire le strutture al pubblico attraverso l’organizzazione, nel periodo estivo, di centri per ragazzi che praticheranno, oltre al golf e nuoto.

Grazie alla ristorazione, anch’essa rinnovata, il golf club Matilde di Canossa organizzerà, dopo la ricca premiazione della gara del 7 aprile, una gnoccata e una lotteria con ricchi premi il cui ricavato andrà anch’esso per il restauro della Torre.

Sarà inoltre possibile cimentarsi in una gara di putting green coordinata dal Club dei Giovani, diretta dal maestro Giovanni Dassu, aperta a tutti coloro che volessero cimentarsi, per la prima volta, in questo sport. Ai vincitori della gara di putting green sono destinati ricchi premi e il ricavato dell’iscrizione della gara andrà anch’esso per il restauro della Torre.

Durante la giornata sarà presente la LILT – Lega Italiana per la lotta contro i tumori, sezione di Reggio Emilia che segue lo sport del golf in questa e altre iniziative per promuovere la prevenzione.

L’iniziativa è stata possibile grazie a moltissimi sostenitori che qui elenchiamo:

Aziende private e pubbliche: Alianz assicurazioni, Reggio Emilia Casa delle sementi, Reggio Emilia Cattolica assicurazione, Reggio Emilia Centro estetico, Cavriago Cristian Events Golf Tour di Reggio Emilia Diffusione Tessile Dolciaria San Prospero Discoland, Reggio Emilia FCR – Farmacie Comunali Riunite Gianferrari salumificio di Canossa Generali assicurazioni, Reggio Emilia Cooperativa sociale “Si può fare” , Noto Hotel Posta e Agriturismo del Cavazzone Macelleria Bruno Ferretti, Reggio Emilia Mariella Arduini Cà de Medici, casa vinicola

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento