Concerto in onore di Guido Alberto Borciani

Stampa articolo Stampa articolo
A dieci anni dalla scomparsa (4 aprile 2008) del Maestro ed Ingegnere Guido Alberto Borciani – una vita dedicata al mitico Quartetto Italiano, ideatore di Scomporre la Musica, ideatore e fondatore del Premio Paolo Borciani nel 1987 e direttore artistico del concorso fino al 2007- l’organista reggiano Renato Negri, docente di Organo all’Istituto Peri-Merulo e direttore artistico di Soli Deo Gloria, dedicherà un concerto che si terrà nella Chiesa di San Francesco da Paola, via Emilia Ospizio 62 martedì 4 aprile alle ore 21 con ingresso libero.
 
Renato Negri, non solo era grande amico di Guido Alberto Borciani ma lo ritiene un  “suo padre musicale e spirituale”, avendo ricevuto lezioni dallo stesso Borciani ed avendo avuto il privilegio di studiare l’Arte della Fuga di Bach attingendo dalle notazioni manoscritte in partitura da Paolo Borciani, fratello di Guido, primo violino del Quartetto Italiano che vide i natali proprio a Reggio Emilia nel 1945.
Sul celebre organo della chiesa reggiana, restaurato ed ampliato da Pierpaolo Bigi nel 1995, inserito nell’Orgelführer Europa (i principali organi d’Europa), Negri interpreterà gli undici preludi corali per organo op.122 di Johannes Brahms, considerati dall’autore stesso come suo testamento spirituale.
Infatti, non solo l’undicesimo e ultimo corale della raccolta dal titolo O Welt, ich muß dich lassen (O mondo, devo lasciarti) è l’ultimissima composizione scritta da Brahms, ma tutta la silloge degli undici corali esprime il desiderio di un sereno decesso e la volontà di conciliazione per il mondo a venire. Il compositore amburghese li composte nell’ultimo anno di vita, 1896, e furono pubblicati postumi nel 1902.
La scelta dei corali è incentrata su inni luterani; le prime sette composizioni sono dedicate alla sua cara amica Clara  Wieck,  moglie del compositore Robert Schumann, deceduta proprio nel 1896; i rimanenti corali sono di certo riferibili a se stesso, viste le sue precarie condizioni di salute che portarono il grande compositore alla morte avvenuta a Vienna il 3 aprile 1897.
 
 

Renato Negri

 
 
Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento