Sabato Santo e Veglia Pasquale nella Notte Santa

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 31 marzo – Sabato Santo

Alle 7.40, in Cattedrale, Ufficio di Lettura e Lodi Mattutine del Sabato Santo.

Nel sabato Santo, la Chiesa sosta in silenzio e preghiera presso il sepolcro del suo Signore. È l’unico giorno dell’anno in cui non ci sono celebrazioni nelle chiese e l’unico in cui il tabernacolo rimane vuoto (la genuflessione, entrando in chiesa, si fa davanti alla croce esposta il venerdì pomeriggio).

31 marzo-1° aprile – VEGLIA PASQUALE nella NOTTE SANTA

* Sabato 31 marzo, a partire dalle ore 21, quando siamo già entrati nella notte (e liturgicamente è già domenica!), in Cattedrale ha inizio la Veglia Pasquale, con la Liturgia della Luce (benedizione del fuoco davanti al sagrato, accensione del cero nuovo e il canto dell’Exultet); la Liturgia della Parola (con il canto del Gloria e lo scioglimento delle campane, l’Alleluia Pasquale e il Vangelo della risurrezione secondo Marco); la Liturgia del Battesimo (quest’anno sono ventidue gli adulti e tre gli adolescenti che rinasceranno a vita nuova e riceveranno pure la Confermazione), con il rinnovo delle promesse battesimali di tutto il popolo di Dio (preparato per questo coi 40 giorni della Quaresima); la Liturgia eucaristica (a cui parteciperanno per la prima volta i neofiti).

Diretta televisiva per  La Veglia Pasquale su Teletricolore (canale 10) e in streaming online sul sito de La Libertà a cura del Centro diocesano Comunicazioni sociali.

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento