Vittorio Sgarbi ha visitato il Palazzo della Cancelleria del Duca d’Este

Stampa articolo Stampa articolo

Il critico d’arte più famoso e discusso d’Italia a Reggio Emilia dai Conti Palazzi Trivelli, antica famiglia nobiliare che ha una storia millenaria, per visitare il Palazzo della Cancelleria del Duca d’Este appena restaurato.

Vittorio Sgarbi e’ stato accolto dalla splendida padrona di casa, l’attrice e scrittrice Isabelle Adriani, compagna del Conte Vittorio Palazzi Trivelli che ha narrato la storia del palazzo e della famiglia e che da qualche tempo ha dato vita ad un salotto culturale all’interno della Cancelleria, insieme al Conte Vittorio e al Conte Vittorino Senior, invitando musicisti, artisti, collezionisti, attori, registi e produttori provenienti da tutto il mondo.

Isabelle Adriani e Vittorio Sgarbi

Sgarbi si e’ poi fermato a cena nella residenza costruita dal Conte Giglioli, Cancelliere del Duca d’Este nel XVI sec. e restaurata negli ultimi anni dai Conti Palazzi Trivelli citati da Dante, uno degli avi dei Conti Palazzi Trivelli infatti, è Corrado III, Conte da Palazzo, citato nel XVI canto del Purgatorio della Divina Commedia.
Lo stemma dell’antico Casato, si deve invece a Federico I di Hohenstaufen detto il Barbarossa, che Corrado II da Palazzo, aiutò, al comando delle genti di Brescia, per la conquista del Regno di Napoli, mentre Corrado I salvò Re Berengario caduto in mano agli Ungari nel 902 d.C. Membri della corte Imperiale di Massimiliano I d’Asburgo e dell’Imperatrice Eleonora di Vienna.
La storia dell’antica famiglia, corredata da documenti centenari, ha incantato gli ospiti.

Il Conte Vittorio Palazzi Trivelli, Vittorio Sgarbi, la bellissima padrona di casa Isabelle Adriani e Vittorio Palazzi Trivelli

All’evento anche lo storico dell’arte Massimo Pirondini, l’imprenditore Luciano Fantuzzi con la moglie Gemma Abate, la Presidente di Confedilizia-Emilia, Anna Maria Terenziani con il marito, l’avvocato Riccardo Arnò, i Conti Orazio e Rita Zanardi Landi di Piacenza e Fabrizia Soliani Raschini con il marito, il dott. Erminio Ferrari e il figlio Filippo.
Vittorio Sgarbi è poi ripartito per la Sua Ferrara decantando le bellezze di Reggio Emilia.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento