Se il silenzio suona bene

Stampa articolo Stampa articolo

Piccolo Teatro in Piazza: due nuovi incontri tra religioni diverse. Parla Daniele Castellari

Nel cartellone di Teatro L’Attesa, già dallo scorso anno, è comparso un evento speciale: l’idea era quella di far conversare insieme persone di diverse religioni e culture sul tema della bellezza. Visto il gradimento del pubblico, la proposta si rinnova in questo mese, con due sabati pomeriggio consecutivi, stavolta sul tema “Voce, silenzio e musica”, conservando la stessa ispirazione dell’incontro fra esperienze differenti.
Gli appuntamenti, a ingresso gratuito, si terranno nel Piccolo Teatro in Piazza di Sant’Ilario d’Enza (piazza IV Novembre).
Nel primo, sabato 10 marzo alle 17, intitolato “Silenzio dell’uomo e silenzio di Dio”, dopo l’introduzione di Teatro L’Attesa che presenterà l’esecuzione del canto dei 99 nomi di Dio in arabo secondo la tradizione dell’Islam e la narrazione di alcune umoristiche storie yiddish, si svilupperà un dialogo – moderato da Brunetto Salvarani, teologo e scrittore – fra Bruno Segre, giornalista e scrittore torinese di origine ebraica (foto 1), e Shahrzad Houshmand, docente di lslamistica all’Università Gregoriana di Roma, già ospite a Sant’Ilario nel 2017.
Il secondo incontro, su “Voce, silenzio e musica dell’interiorità”, avrà luogo sabato 17 marzo alle 17, vedrà sul palco un suggestivo e originale spettacolo intitolato “Teofonia”, interpretato da danzatrici induiste e classi di canto dell’Istituto diocesano di Musica e Liturgia “Don Luigi Guglielmi”. Quindi gli stessi protagonisti, insieme a Swamini Hamsananda Giri, vicepresidente dell’Unione lnduista Italiana, e alla Madre Badessa Chiara Francesca delle Clarisse di Trento, daranno vita ad una conversazione sul tema dell’iniziativa.
Regista e direttore artistico dell’operazione, che si avvale della collaborazione del Comune di Sant’Ilario d’Enza e del circolo culturale “Inventori di strade”, è sempre Daniele Castellari.

Leggi tutto l’articolo di Edoardo Tincani su La Libertà del 7 marzo

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento