Proposta di pace per la Siria

Stampa articolo Stampa articolo

“Siamo fuggiti dalla Siria, il nostro Paese, perché non volevamo uccidere, né essere uccisi, abbiamo pagato un prezzo enorme per la nostra libertà, desideriamo vivere liberi e con dignità. E vogliamo tornare in pace nella nostra Patria” (Abu Rabia, siriano, a Trento da circa un anno grazie ai Corridoi Umanitari).
è da questa affermazione di umanità che in tanti hanno pensato e scritto una Proposta di Pace per la Siria. Anche la Caritas diocesana di Reggio Emilia – Guastalla aderisce e sostiene questa iniziativa, nata da Operazione Colomba (Corpo Nonviolento di Pace dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII) e ha sottoscritto l’appello.

Storie di profughi dal Libano
Il 5 agosto 2017, al termine della nostra visita al campo profughi di Tel Abbas in Libano, Alessandro, amico e volontario che vive nel campo insieme alla comunità siriana, ci ha salutato dicendo: “Qui le persone vivono nell’incertezza e nell’abbandono, muoiono in silenzio. Fate in modo che le loro storie vengano conosciute”. Questa eredità non può che spingerci a continuare a condividere alcuni racconti dei profughi siriani, attraverso la loro voce e quella di chi ancora è con loro e li accompagna nella quotidianità.

Marco, Maria, Nicolò
Caritas diocesana
e Case della Carità

Y. è un ragazzo siriano di 30 anni. Ha tre figli bellissimi, due dei quali ci vengono incontro all’ingresso dell’ospedale insieme alla zia. Quindi entriamo e insieme cerchiamo di capire dove hanno ricoverato il padre. è in un’ala particolare dell’ospedale: per poterlo visitare bisogna oltrepassare una porta blindata e avere il permesso della guardia che ti apre. Spieghiamo che siamo un’organizzazione, lasciamo i nostri passaporti e siamo dentro.

La guardia ci accompagna nella camera di Y.: una cella.
Insieme a lui ci sono altre persone ricoverate, cinque, forse sei, ma attraverso la porta che abbiamo davanti, che è tutta bucherellata, si fa fatica a vedere. Lui si avvicina a noi con una carrozzina perché è talmente magro e debole che non si reggerebbe in piedi. Ci presentiamo, gli spieghiamo che siamo un’organizzazione di volontari qua in Libano e che siamo a conoscenza della sua situazione. Gli diciamo anche che fuori dalla porta ci sono i suoi bambini che lo salutano. Lui piange.

Y. è stato arrestato dall’esercito libanese ormai un anno e mezzo fa perché sprovvisto di documenti e ora è da qualche settimana ricoverato in ospedale perché gli è stato diagnosticato il Morbo di Crohn (malattia infiammatoria cronica dell’intestino). La detenzione in prigione e la malnutrizione che ne deriva hanno peggiorato la situazione clinica di Y. provocando una carenza di proteine ed enzimi fondamentali per il metabolismo. Per ristabilire dei livelli sufficienti a scongiurare il pericolo di vita è necessario procurare al più presto un medicinale molto costoso.
La comunicazione però è un po’ difficile a causa di questa porta che abbiamo davanti che non ci permette di sentire la sua fievole voce.
È molto stanco, si vede.

Lo salutiamo e la guardia ci accompagna all’uscita dove ci sono i bambini in trepidazione perché sperano di vedere il padre. Impossibile, non è giorno di visite. Eppure la guardia li rassicura: Y. sarebbe uscito dalla cella per fare un controllo e sarebbe passato proprio lì davanti.
Allora decidiamo di aspettare ancora più emozionati di prima per permettere ai bambini di vedere il padre dopo tanto tempo. I minuti sembrano eterni e gli occhi sono fissi verso quella porta di ferro sperando che si apra da un momento all’altro.

Continua a leggere tutto l’articolo su La Libertà del 7 marzo

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento