Per «Phos hilarón» c’è il Barocco

Stampa articolo Stampa articolo

Concerto domenica 25 febbraio alle 18 a Montericco

Da La Libertà del 21 febbraio

Riprendono domenica 25 febbraio alle ore 18, nella chiesa Madonna dell’Uliveto annessa all’Hospice di Montericco, gli appuntamenti della rassegna Phos hilarón che la Casa Madonna dell’Uliveto organizza in collaborazione con l’IDML “Don Luigi Guglielmi” di Reggio Emilia. Ospiti del concerto due straordinari interpreti: Claude Hauri al violoncello e Daniel Moos al clavicembalo, il primo già ospite della rassegna con il Trio des Alpes.
Il programma dal titolo “Il Barocco tra Venezia, Lipsia, Londra e Khöten” prevede brani molto noti e di più raro ascolto di Vivaldi, Marcello, Haendel, Bach.

Claude Hauri, già primo violoncello nella Youth World Orchestra della Jeunesses Musicales, quale solista e in gruppi da camera svolge un’intensa attività concertistica che lo vede esibirsi intensamente in tutta Europa, in Australia e in Sud America. Le ultime pubblicazioni discografiche lo vedono impegnato con la violinista Bin Huang (Brilliant Classics) e con il Trio des Alpes (Dynamic). Suona uno splendido violoncello di Gian Battista Zanoli, liutaio italiano del ’700.

Daniel Moos, pianista, direttore e produttore si è diplomato presso il Conservatorio della Svizzera italiana nel 1989. Ha poi studiato con Irwin Gage presso la Musikhochschule di Zurigo e ha frequentato corsi di perfezionamento a Vienna, Bayreuth e Roma.
Le sue più recenti incisioni sono “The Pearls of Baroque”, registrata dal vivo al castello di Rapperswil, e “I virtuosi di Milano”, realizzata con una formazione di musicisti internazionalmente noti.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento