Sant’Ilario: ricordato monsignor Margini

Stampa articolo Stampa articolo

Come ogni 8 gennaio il Movimento Familiaris Consortio ha ricordato nella preghiera l’anniversario della morte del proprio fondatore, mons. Pietro Margini. Fulcro della giornata è stata la celebrazione liturgica che si è tenuta nella Palestra dell’oratorio di Sant’Ilario d’Enza, appena sufficiente a contenere tutte le persone che hanno voluto onorare la memoria di questo sacerdote che ha saputo suscitare cosi tanto affetto e riconoscenza in moltissimi cuori.

La messa è stata presieduta da don Luca Ferrari, attuale responsabile Generale del Movimento, che nell’omelia ha ricordato il senso della nostra chiamata a seguire il Signore, una chiamata che affascina perché il nostro Dio non ha voluto “essere glorificato manifestando la Sua grandezza”, ma “si è chinato su di noi”. Anche all’origine del Movimento, ha ricordato poi don Luca, “c’è stata una voce che ci ha chiamato, un cuore che ci ha generato. Il Signore si è chinato nella nostra vita attraverso don Pietro”. Che ha proposto a chi ha accolto questo invito, “di seguire Gesù ovunque si fa trovare, nell’imitazione e nell’affidamento a Maria, attraverso una vita che diventa pienamente umana nella luce divina”. E che, soprattutto, “… ha lasciato il tesoro di una comunità, della Chiesa, in particolare nella parrocchia, come comunione di comunità.”

La serata è poi proseguita con un rinfresco nei locali dell’oratorio, ugualmente partecipato e festoso, nello spirito di familiarità e di amicizia che don Pietro ha costantemente proposto ai suoi figli spirituali.

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento