Pellegrini, venite a Gerusalemme senza paure

Stampa articolo Stampa articolo

I nuovi scontri e le violenze violenze verificatisi nei giorni scorsi a Gerusalemme e in Terra Santa, dopo la decisione dell’Amministrazione USA di riconoscere la Città Santa come Capitale di Israele, hanno creato apprensione in molti gruppi di pellegrini che avevano già programmato viaggi per trascorrere il tempo di Natale nella terra in cui è nato e vissuto Gesù Cristo. La cancellazione di molti pellegrinaggi organizzati ha spinto l’Amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme e il Custode di Terra Santa a diffondere nei giorni che precedono il Natale un appello congiunto per rassicurare i pellegrini e convincerli a non rinunciare alla visita ai Luoghi Santi. 

“Insieme al Padre Custode” spiega l’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, Amministratore apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme “abbiamo pensato che sia bene a dire a tutti voi pellegrini, a tutti coloro che hanno Gerusalemme nel cuore, che il pellegrinaggio in Terra Santa è sicuro e che le immagini e che avete visto in televisione non dicono la verità di bellezza, di tranquillità e di serenità che invece c’è a Gerusalemme. Vi invitiamo” prosegue l’amministratore apostolico Pizzaballa “a ripensare ancora nuovamente al vostro pellegrinaggio a Gerusalemme, a fare questa bellissima esperienza di fede e questa importante e meravigliosa forma di solidarietà alla comunità cristiana di Terra Santa”. Nell’appello, diffuso dai media ufficiali del Patriarcato Latino di Gerusalemme e della Custodia di Terra Santa, Anche il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton ofm, invita i pellegrini “a confermare i pellegrinaggi proprio con lo spirito di chi desidera, attraverso il pellegrinaggio, fidarsi di Dio”. Il Custode Patton aggiunge considerazioni rassicuranti per convincere i pellegrini a visitare la Terra Santa senza paura: “noi qui viviamo, vediamo la situazione ogni giorno, i pellegrini sono rispettati e sono amati e non ci sono problemi o pericoli per loro. Inoltre” aggiunge il Custode di Terra Santa “attraverso anche questo gesto di fede che è il pellegrinaggio, voi incoraggiate, sostenete la piccola comunità cristiana che vive qui in Terra Santa. E quindi vi invitiamo a non aver paura, e a venire , a farvi ancora pellegrini in questi luoghi dove Gesù è nato per noi”.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento