Con AVSI in viaggio verso casa

Stampa articolo Stampa articolo

Appuntamento in centro a Reggio domenica alle 16

Da La Libertà del 16 dicembre 

Il Presepe vivente, giunto alla sua 5a edizione, intende sostenere quattro progetti che tentano di rispondere a un bisogno che ciascuno può riconoscere in se stesso. Il bisogno e desiderio di “casa”, un luogo fisico, ma anche trama di relazioni buone, di cura, di accoglienza e protezione.

La manifestazione avrà inizio domenica 17 dicembre alle ore 16 nel centro storico di Reggio sul sagrato della chiesa di San Prospero, con il saluto delle autorità comunali. Da qui il corteo con angeli, pastori, musicanti, zampognari e fiaccole si snoderà lungo del vie del centro per concludersi sul sagrato del Duomo. In piazza Prampolini, verso le ore 17 è prevista la presenza del vescovo monsignor Massimo Camisasca, che insieme agli altri accoglierà Maria, Giuseppe e il Bambino. Folta sarà la partecipazione di bambini reggiani vestiti da angeli.
La manifestazione è promossa dalla Fondazione AVSI (Associazione Volontari per il Servizio Internazionale), con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla.

Accanto al sagrato del Duomo la Fondazione AVSI allestirà lo stand per la campagna AVSI 2017-2018 dal titolo “La casa dov’è?”, dove gli spettatori potranno contribuire alla raccolta fondi.
Le risorse raccolte, come anticipato in apertura di articolo, saranno destinate alla realizzazione di quattro progetti che tentano di rispondere al bisogno di una “casa”.

I progetti della Fondazione AVSI saranno realizzati in quattro Paesi, come specificato di seguito.

* Iraq: la ricostruzione di un asilo a Qaraqosh, luogo di educazione, protezione dell’infanzia, ma anche motore per la ricostruzione di una comunità ferita.
* Siria: “Ospedali aperti” a Damasco e Aleppo, per garantire le cure anche ai più indigenti.
* Uganda: un sistema integrato di azioni per l’accoglienza dei rifugiati e l’accompagnamento, educazione e formazione al lavoro dei giovani.
* Italia: “Portofranco”, centro di aiuto allo studio che offre gratuitamente ripetizioni e supporto nell’apprendimento a giovani in difficoltà, italiani e stranieri, e così favorisce l’accoglienza e l’integrazione.

Per ulteriori informazioni visitare il sito: https://ilpresepevivente.com/

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana