Canossa: Castello e Museo, progetto di valorizzazione

Stampa articolo Stampa articolo

Il primo dicembre si è avviato il nuovo progetto di valorizzazione del castello di Canossa e del Museo Nazionale “Naborre Campanini” proposto dall’Associazione culturale Matilde di Canossa che gestisce già dal 2015 il castello di Rossena. Si tratta di un’nnovativa forma di sperimentazione di sinergia tra pubblico e terzo settore per la valorizzazione del patrimonio culturale proposta tramite un avviso pubblico del 28 ottobre 2016 volto all’individuazione di enti non lucrativi a cui affidare tredici immobili scelti su tutto il territorio nazionale.
La procedura si è chiusa il 16 giugno scorso con l’assegnazione di solo 5 tra gli immobili proposti di cui ben 2 in Emilia-Romagna, la chiesa di San Barbaziano a Bologna ed il Castello di Canossa.Tra le caratteristiche richieste, oltre a poter dimostrare di avere tra le proprie finalità la valorizzazione del patrimonio culturale e di avere già gestito altri beni di rilevante valore storico architettonico, vi era anche la possibilità di mettere a sistema più beni collocati sul territorio nell’ottica di un progetto di ampio respiro.

Il progetto dell’Associazione Matilde di Canossa, che ha ottenuto il maggior punteggio su tutti i progetti presentati a livello nazionale, esprime con chiarezza questa intenzione proponendo fin da subito la sinergia con la rocca di Rossena per estendersi poi ad altri siti di rilevante valore storico e culturale come il Museo diocesano di Reggio Emilia.

Leggi tutto l’articolo di Angela Chiapponi Gibertini su La Libertà del 9 dicembre

Clicca qui e rinnova l’abbonamento a La Libertà

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura