“Futuro Anteriore”: Presentato il Rapporto Caritas 2017 su povertà giovanili ed esclusione sociale in Italia

Stampa articolo Stampa articolo

“II poveri non sono solo gli immigrati che sbarcano nelle nostre coste. La povertà è fatta di volti e il colore della pelle non può essere un freno alla carità. Dobbiamo allargare lo sguardo e il cuore verso tutti”. Con queste considerazioni Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della CEI, ha dato il via alla presentazione del rapporto 2017 su povertà giovanili ed esclusione sociale in Italia. Parole pronunciate lo scorso venerdì 17 novembre a Roma presso l’Associazione Stampa Estera, che riprendono in modo sostanziale la linea di Papa Francesco: non ci sono povertà che meritano e altre no. La povertà fa male e basta. E spesso è invisibile, come quella che colpisce i nostri giovani.

“Chi dice che la Caritas aiuta solo gli immigrati e non gli italiani o chi va in televisione per strumentalizzare questi discorsi” ha aggiunto Galantino “non conosce l’operato della Chiesa e non è mai entrato in un centro di ascolto, oppure non legge i rapporti che Caritas cura ormai da vent’anni”.

Basta documentarsi un po’ per scoprire che il primo rapporto risale al 1996 (a dimostrazione che Caritas non è solo “fare”, ma anche e soprattutto animare, promuovere, osservare la realtà). A distanza di due decenni le cose sono cambiate: oggi la povertà è aumentata sia per quantità che per qualità. Se negli anni ‘90 la categoria più colpita era quella degli anziani e dei pensionati, oggi la fascia giovanile è quella che soffre di più. Ci sono più di 7 milioni di persone in situazione di grave deprivazione materiale e 17 milioni a rischio di povertà ed esclusione sociale.

Da questi dati nasce il titolo della ricerca: “Futuro anteriore”. Una scelta dal valore simbolico che descrive la tendenza dei giovani a camminare verso il futuro, ma con la testa rivolta indietro verso il passato, che sì, aveva dei forti limiti, ma lasciava intravedere delle prospettive. I dati ci dicono chiaramente che in Italia i figli stanno peggio dei genitori in Italia. Il 23% è a rischio povertà contro il 29% in Europa.

“La crisi ci ha lasciato un esercito di poveri” ha voluto sottolineare Mons. Galantino, “ma dobbiamo assolutamente porci una domanda: come credenti che dobbiamo fare? Non mi convincono i professionisti della indignazione fine a sé stessa. Sport vicino a quello dello scarica barile. Dobbiamo continuare ad animare il nostro Paese e comunicare bene che la Caritas non ha la delega dell’aiuto agli ultimi, ma ha un mandato specifico: testimoniare la carità!”

In chiusura è intervenuto anche Mons. Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana che ha messo in evidenza la necessità di dare speranza ai giovani perché “senza non c’è futuro. Sono loro i motori del cambiamento. Noi crediamo in loro non a parole, ma coi fatti: perché siamo ogni giorno sul campo e lavoriamo a loro fianco”.

Matteo Donati

Alcuni dati significativi del rapporto:

  • La Povertà assoluta in Italia dal 2007 a oggi è aumentata del 165%
  • 1 giovane su 10 è povero
  • La Disoccupazione Giovanile in Italia è del 37,8 % contro il 18,7 % in Europa
  • L’abbandono scolastico in Ityalia è al 14,7% contro l’ 11% in Europa
  • Si esce dalla famiglia a 30 anni contro la media europea di 26 anni
  • Nell’ultimo anno i Centri di Ascolto italiani hanno accolto 205 mila persone
  • Caritas ha svolto 2,7 milioni di azioni materiali con il coinvolgimento dei territori
  • La povertà economica colpisce soprattutto gli stranieri (56,2 %)
Pubblicato in Articoli, Società & Cultura