La nuova valutazione nella scuola primaria e secondaria di primo grado

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 25 novembre

La valutazione degli apprendimenti sarà ampiamente rivista nella scuola elementare e media già da questo anno scolastico. In particolare, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha adottato, con il D.M. n. 742 del 3 ottobre scorso, il modello nazionale di certificazione delle competenze che dovrà essere rilasciato al termine della scuola primaria e della secondaria di primo grado.
Per quanto riguarda l’esame di “licenza media” gli alunni, per potervi accedere, dovranno aver svolto le prove INVALSI che si terranno nel mese di aprile del 2018.
La novità delle “nuove” rilevazioni è l’introduzione, oltre a Italiano e Matematica, di un prova di Inglese relativamente alle abilità dell’ascolto e della lettura.
Pertanto, al termine del primo ciclo d’istruzione, oltre al “classico” diploma di licenza media, verrà consegnato ad ogni famiglia anche il documento di certificazione delle competenze, comprensivo degli esiti conseguiti da ciascun studente nelle prove nazionali dell’INVALSI di Italiano, Matematica e Inglese.
A queste problematiche, le associazioni Aimc, Uciim, A.Ge, Fidae, Osservatorio per l’Educazione e l’Istituto San Vincenzo de’ Paoli dedicheranno un puntuale approfondimento da titolo “La nuova valutazione nella scuola primaria e secondaria di I grado”.
L’incontro si svolgerà mercoledì 29 novembre, con inizio alle ore 16.30 presso l’Istituto San Vincenzo de’ Paoli, in via Franchetti 4 a Reggio Emilia, e sarà introdotto dal dirigente scolastico Luciano Bonacini.
Luciano Rondanini, esperto del MIUR, interverrà sul tema “La certificazione delle competenze: i cambiamenti in atto”.
Alle relazione faranno seguito il dibattito e le conclusioni.
L’incontro è rivolto a docenti, dirigenti scolastici, genitori. Sarà rilasciato attestato di partecipazione.

Pubblicato in Articoli, Associazioni