Da tutta Italia per prima artoteca italiana pubblica e gratuita

Stampa articolo Stampa articolo

Sono arrivati da tutta Italia per la giornata di studi dedicata all’Artoteca, il servizio di prestito gratuito di opere d’arte del centro cultura Multiplo di Cavriago. Un servizio molto diffuso nei paesi del Nord Europa e che in Italia è ancora una rarità. Proprio per questo sono arrivati da Bolzano, Lucca, Imola, Cesena e non solo diversi bibliotecari, artisti, amministratori, educatori, critici d’arte ed esperti del settore stamattina a Cavriago per conoscere meglio la prima artoteca italiana pubblica e gratuita.

La giornata è partita con i saluti del sindaco Paolo Burani: “Quando abbiamo progettato il Multiplo – ha detto -, volevamo che diventasse un luogo per tutti. Ed oggi possiamo affermare che, di fatto, è una piazza che mette la cultura a disposizione dell’intera collettività: c’è infatti chi prende a prestito libri, ma anche cd, giochi, opere d’arte o frequenta corsi”. “Siate orgogliosi del Multiplo – ha detto l’assessore regionale alla cultura Massimo Mezzetti -, questo è uno degli esempi più eccellenti in regione. La cultura deve appartenere alla collettività perché crea benessere sociale, oltre che materiale”. La parola è poi passata alla responsabile del Multiplo Letizia Valli, che ha parlato in particolare di artoteca evidenziando che l’obiettivo primario di questo servizio è di mettere l’arte a disposizione di ogni utente: “Rende familiare il rapporto con l’arte, chiunque può portare a casa un’opera, anche chi non è un esperto”. Sono poi intervenuti la referente di Artoteca Barbara Mantovi e i componenti del comitato scientifico di Artoteca, Sandro Parmiggiani, critico d’arte, Mauro Speraggi, pedagogista ed editore di Artebambini, e Giuseppe Camuncoli, fumettista e direttore artistico della Scuola Internazionale di Comics di Reggio. Poi al pomeriggio si sono svolti laboratori con gli artisti Fuad Aziz e Claudio Domini.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura