Requiem di Mozart, Cattedrale gremita

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 18 novembre

Tutto esaurito al grande concerto che si è svolto sabato 11 novembre nel Duomo di Reggio Emilia.
La cittadinanza ha risposto con una presenza impressionante all’evento musicale organizzato in Cattedrale dedicato a Curare Onlus, a favore del progetto MIRE.
L’organizzazione ha ritardato l’inizio del concerto per permettere l’ingresso a tutte le persone che hanno pazientemente aspettato, in una fila ordinata che si snodava da piazza Prampolini al sagrato della Cattedrale.

L’attesa è stata ripagata dall’esecuzione coinvolgente che il poderoso organico artistico diretto dal maestro Mauro Ivano Benaglia ha saputo esprimere di una delle più belle pagine della musica sacra di tutti i tempi: la Messa di Requiem di Wolfang Amadeus Mozart.
Enrica Valla, organizzatrice dell’evento, dopo aver ringraziato i patrocinatori e le realtà che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, ha presentato gli artisti, mentre Deanna Veroni, presidente di Curare Onlus ha avuto parole di affetto per la solidarietà e la presenza dimostrata dai cittadini di Reggio. (clicca qui per vedere tutte le foto)

Monsignor Tiziano Ghirelli, dopo aver portato i saluti della Diocesi e del vescovo Massimo Camisasca, si è soffermato sugli aspetti più squisitamente spirituali creando le giuste condizioni per consentire ai presenti di apprezzare gli aspetti più profondi di questa spendida partitura sacra.

Le quattro Corali polifoniche – Coro dell’Accademia Concertante diretta dallo stesso maestro Benaglia, la Schola Cantorum Ars Nova diretta dal maestro Franco Pasquali, la Corale S.S. Lorenzo e Sebastiano diretta dal maestro Giuseppe Bollati, il Coro Vallongina diretto dal maestro don Roberto Scotti -, l’Orchestra dell’Accademia Concertante, con il maestro Damiano Danti all’organo, d i quattro solisti – il soprano Mara Bezzi, il mezzosoprano Raffaela Ravecca, il tenore Jung Woo Yoo e il basso Hong Shin Kill – hanno incantato il pubblico che ha assistito in un silenzio attento e partecipe all’esecuzione, preceduta dal prezioso momento musicale che il talentuoso violinista Lorenzo Meraviglia ha voluto regalare alla platea, utilizzando il violino Omobono Stradivari 1730, prestito di un collezionista d’oltreoceano. (CLICCA E GUARDA IL VIDEO)

Dopo i due bis – Dies Irae e Ave Verum – sollecitati con calore dal pubblico, il maestro Mauro Ivano Benaglia si è esibito come solista, in una nota aria baritonale tratta dal Flauto Magico, concludendo così la serata con una vera… magia, molto apprezzata dai presenti.

La serata ha avuto il Patrocinio del Comune di Reggio Emilia, della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, del Museo diocesano, di Reggio Iniziative Culturali, di Soli Deo Gloria, del Lions Club Maria Luigia di Parma e del Lions Club Sant’Ilario d’Enza che insieme hanno contribuito ad effettuare un service interclub.
Le aziende che hanno dato concreto contributo alla realizzazione della serata sono state: Bper Banca, Cadoppi, Conad, Fabercom, Ferri System, Morini Assicurazioni, PlatformBasket, Ser-Fid Italiana e Smeg.

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura