Giovani e imprenditorialità: bene le cifre in 9 mesi

Stampa articolo Stampa articolo

Con 4.868 unità, le imprese giovanili reggiane incidono per l’8,8% sul totale delle aziende presenti nel nostro territorio (55.268) e, nei primi nove mesi del 2017, hanno presentato un saldo positivo, tra nuove aperture e cessazioni, pari a 347 unità.
Proprio questo positivo andamento (con 715 nuove iscrizioni e 368 cessazioni di attività) farà da sfondo al convegno tutto dedicato ai giovani e all’imprenditorialità promosso dal Comitato Giovani Imprenditori e Professionisti della Camera di Commercio e in programma il 16 novembre nella Sala Convegni dell’Ente camerale (P.zza della Vittoria, 3).
Una intensa mattinata di lavoro (10 relatori) su due grandi filoni di interesse per i giovani che intendono avviare percorsi imprenditoriali o che già sono impegnati in imprese. Da una parte, infatti, vi sarà un ampio approfondimento dei servizi presenti nel nostro territorio a sostegno della creazione d’impresa e, dall’altra, la presentazione di un vero e proprio vademecum sulle agevolazioni finalizzate all’avvio di nuove realtà imprenditoriale.
A parlarne, insieme al presidente della Camera di Commercio, Stefano Landi, saranno innanzitutto il prorettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia, Riccardo Ferretti, il presidente del Comitato Giovani Imprenditori e Professionisti dell’ente camerale, Luigi Rocca, la componente dello stesso comitato, Serena Giannuzzi (che interverranno, rispettivamente, sul ruolo dell’Università, delle associazioni di categoria e dei professionisti nella creazione d’impresa) e il segretario generale della Camera di Commercio, Michelangelo Dalla Riva, che presenterà le diverse azioni dell’Ente a sostegno dell’imprenditoria giovanile.

 


Sulle agevolazioni finalizzate alla creazione d’impresa interverranno poi Marco Lasagni di Cna (le agevolazioni per l’artigianato e il commercio), Matteo Pellegrini dell’Alleanza Cooperative Italiane (“La cooperazione come risorsa per lo sviluppo”), Arianna Mariotti della Cia e Roberto Iotti, direttore di Confagricoltura (le agevolazioni in agricoltura e l’approccio dei giovani al settore primario) ed Enrico Reggiani Componente del Comitato di Unindustria (“Il sostegno alle start up come patrimonio del territorio”).
In una lunga stagione in cui il fare impresa è divenuto sicuramente più difficile che in passato, sia per ragioni economiche che sociali e culturali – sottolinea il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landi – occorre moltiplicare gli strumenti di sostegno all’avvio d’impresa e quelli di accompagnamento, così come è necessario che i giovani imprenditori guardino con attenzione a tutto ciò che già oggi può rappresentare un’opportunità, non limitandosi a guardare solo ad agevolazioni e ai finanziamenti, ma più ampiamente a ciò che si muove nel contesto in cui le imprese si collocano”.
In questo senso – conclude Landi – credo che l’imminente confronto possa rappresentare un’occasione importante, offrendo la possibilità guardare a strumenti di sostegno specifici, ma anche ai servizi e ai ruoli che diversi soggetti possono esercitare per sostenere i giovani imprenditori”.

Pubblicato in Archivio