Quando il postino tarda

Stampa articolo Stampa articolo

La nostra battaglia perché il giornale cartaceo arrivi puntuale non conosce soste. Il contratto che abbiamo con Poste Italiane obbliga il distributore a recapitare il giovedì o al più tardi il venerdì. In tutti gli altri casi, se informati dagli abbonati, attiviamo settimanalmente la procedura standard di reclamo. A volte il problema dipende dal Centro Postale di Reggio, altre volte da quello di Bologna (dove finiscono alcuni bancali di giornali destinati alla provincia), altre volte dal personale (postini).
Sollecitare, di solito, serve a migliorare il servizio, anche se a volte solo temporaneamente. 
In ogni caso continuate a segnalarci i disguidi, per e-mail (redazione@laliberta.info) o per telefono (0522.452107).
I nostri orari di apertura al pubblico: tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e i pomeriggi del lunedì e del venerdì dalle 15 alle 18.30.

A chi usa internet, consigliamo di affiancare all’abbonamento cartaceo, che ben si presta alla conservazione e alla condivisione, anche la lettura dell’edizione digitale (è il pacchetto “full” di cui parla la campagna abbonamenti).
L’edizione digitale altro non è che lo stesso giornale stampato, ma sfogliabile su computer o su dispositivo mobile (tramite app scaricabile gratuitamente) a partire dal giovedì mattina, con alcuni link di arricchimento multimediale (fotogallery, video, documenti d’archivio collegati all’articolo).
Chi avesse difficoltà a leggere l’edizione digitale su pc o telefono, può sempre chiedere, in alternativa, l’invio del giornale in formato pdf attraverso la posta elettronica (è ciò che facciamo, per esempio, con decine di missionari all’estero, in zone dove la connessione web è troppo lenta per leggere l’edizione digitale, mentre la mail arriva con puntualità il giovedì).

Anche per ricevere informazioni su come attivare la lettura digitale o come scaricare La Libertà App, non esitate a contattarci ai recapiti di redazione, o passate a trovarci in via Vittorio Veneto 8/a a Reggio, di fianco al vescovado (ricordando di suonare il campanello, anche negli orari di apertura al pubblico).

Redazione La Libertà

Pubblicato in Articoli, Associazioni, Società & Cultura, Vita diocesana