Missa Gaia per Bismantova

Stampa articolo Stampa articolo

La migliore forma di tutela passa attraverso la consapevolezza del reale valore

Sabato 4 novembre alle ore 21 presso l’Oratorio Don Bosco a Castelnovo ne’ Monti si terra il concerto la “Missa Gaia – Earth Mass” di Paul Winter con la partecipazione straordinaria di Amanda Sandrelli. Il concerto sarà eseguito dall’Ensemble IDML, Coro Diocesano di Reggio Emilia, diretto dal Maestro Giovanni Mareggini, soprano Sara Fornaciari.

Nel febbraio 2015 un crollo di enormi massi dalle sovrastanti pareti rocciose aveva reso inagibile tutta l’area del Santuario di Bismantova e dell’antico Eremo Benedettino abbandonato da più di 30 anni. Il Santuario è stato riaperto nel settembre scorso  e oggi, grazie alla collaborazione instaurata tra la Diocesi di Reggio Emilia, la Parrocchia di Ginepreto e il Parco Nazionale, anche l’antico eremo/convento sarà oggetto di un intervento di recupero, finanziato dalla Regione Emilia Romagna. 

Nel maggio scorso il Parco Nazionale aveva candidato il progetto sui fondi europei, dopo aver ricevuto in donazione l’eremo di Bismantova con l‘onere di farne  un centro di documentazione e testimonianza sulla geologia e spiritualità della Pietra, ispirato alla custodia del Creato. 

Questa relazione tra spiritualità e natura a Bismantova è sempre stata percepita. La straordinaria emergenza delle pareti di arenaria, nate in fondo al mare 20 milioni di anni fa, è stata vissuta dagli uomini nei secoli come un luogo dello spirito. Il Santuario è il centro di questa esperienza profonda e l’eremo è stato vissuto come un luogo di fede e contemplazione del Creato. Col tempo Bismantova è sicuramente diventata luogo di attrattività turistica, luogo da gite domenicali e alpinismo. La conservazione di Bismantova però non può prescindere dai valori di spiritualità, intrecciati con contemplazione della natura e della bellezza del creato.  La ‘Missa Gaia’ di sabato prossimo sarà proprio una celebrazione di questi significati.

Composta da Winter in occasione della Giornata internazionale della Custodia del Creato, la Missa Gaia vedrà, oltre alla presenza di Amanda Sandrelli come voce recitante, la partecipazione di undici strumentisti, un coro di sessanta persone, solisti, e l’utilizzo dei suoni e dei canti della natura come mezzo espressivo all’interno del discorso musicale. I tempi oltre rappresentare le diverse culture del mondo e ad essere eseguiti dai diversi strumenti, saranno inframmezzati dalle ‘voci’ della natura, per esempio, dall’ululare del lupo e dal frinire del grillo. L’opera, infatti, è stata concepita da Winter come una composizione nella quale possano convergere tutti i linguaggi del Creato. La forte valenza culturale e spirituale sarà sottolineata nell’esecuzione allestita dal Maestro Mareggini dalla lettura di diversi testi tratti dell’enciclica ‘Laudato sì’ di Papa Francesco, dall’opera di San Francesco e dal libro ‘Lettera d’amore alla Madre Terra’ del monaco vietnamita Thich Nhat Hanh.

La scelta del Parco Nazionale di eseguire la ‘Missa Gaia’, nello spirito anche della Riserva della Biosfera Unesco, è quella di sottolineare come la migliore forma di tutela sia quella di far capire il reale valore delle cose.

Per la riserva di posto si prega di confermare la partecipazione ai seguenti indirizzi mail: alessia.maggiali@parcoappennino.it – educazioneambientale@parcoappennino.it   – promozione@parcoappennino.it

Pubblicato in Articoli, Associazioni