«Casa di Nazareth», ecco don Botti

Stampa articolo Stampa articolo

Reggio: nuovo parroco per San Giuseppe e Immacolata

Venerdì 6 ottobre l’unità pastorale “Casa di Nazareth” (parrocchie dell’Immacolata e di san Giuseppe a Reggio) ha accolto nella chiesa di San Giuseppe il nuovo parroco don Corrado Botti. La liturgia, partecipata e festosa, anticipava, nelle letture e nelle orazioni, la festa della Madonna del Rosario.
Don Corrado era accompagnato dal Vicario generale monsignor Alberto Nicelli, dalla mamma e dai familiari, da una nutrita rappresentanza delle comunità di Montecchio e da diversi sacerdoti della zona di provenienza, fra i quali il Vicario don Claudio Gonzaga.
Ad accoglierlo, oltre a un “popolo numeroso” delle comunità di destinazione, ha trovato don Giuseppe Palazzi e don Matteo Bondavalli, i diaconi Marino e Raffaele, ben cinque diaconi della unità pastorale “Padre Misericordioso” e svariati sacerdoti della città.

Il Vicario urbano don Giuseppe Dossetti ha dato lettura del messaggio (più che una lettera di nomina, una bella biografia di don Corrado!) inviato dal vescovo Massimo. Ascoltandolo, è stato bello ripercorrere insieme il cammino di questo sacerdote, reduce da una serie di esperienze pastorali di grande impegno e rilevanza: vice parroco a Castellarano e alla Magliana a Roma, e poi parroco a Cavriago e a Montecchio, provvidenzialmente sempre accompagnato dalla presenza di una Casa della Carità in parrocchia, come accadrà anche questa volta in San Giuseppe.

Continua a leggere tutto l’articolo di Marino Gallo su La Libertà del 14 ottobre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana