Gli studenti del Chierici guide alla riscoperta di San Domenico

Stampa articolo Stampa articolo

Gli studenti del liceo artistico statale Gaetano Chierici sono protagonisti della I edizione della giornata d’autunno organizzata dalla delegazione Fai ( Fondo ambiente italiano) di Reggio, come a livello nazionale, realizza.

L’ iniziativa si chiama:”  I segreti della chiesa di San Domenico”e sarà questo edificio di culto chiusa al pubblico, che verrà riscoperta, domenica 15 ottobre. L’iniziativa fa parte del mese di campagna: “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, che i gruppi giovani del Fai hanno organizzato in 185 città per la giornata Fai d’autunno. Un’occasione unica per guardare con occhi diversi il paesaggio che ci circonda, seguendo i 170 itinerari tematici organizzati dai volontari Fai con l’obiettivo di raccontare un volto inedito e spesso sconosciuto delle nostre città. Come si legge sul sito nazionale Fai:” La bellezza del nostro Paese è il nostro patrimonio più prezioso.

Un patrimonio che sa stupirci ogni giorno e che non ci si stanca mai di scoprire. Un patrimonio che è importante conoscere, amare e proteggere”. La manifestazione è resa possibile grazie a 17 studenti, del liceo Chierici, particolarmente preparati, che hanno già fatto le guide Fai come ciceroni e che condurranno il largo pubblico alla scoperta della chiesa di San Domenico attraverso la sua storia, le  bellezze architettoniche ed artistiche, i dipinti, la sagrestia, i paramenti liturgici, gli arredi sacri. Saranno seguiti e preparati dai docenti: Lorenza Ferrarini (referente Fai per la scuola), Claudio Apparuti. Va ricordato che il Chierici ha pubblcato un ebook:”Occhio a San Domenico, redatto dagli studenti, referenti i docenti Silvia Moretti e Paola Panciroli, che ha vinto il premio:” Io amo i beni culturali” dell’Ibc ( istituto beni culturali della Regione).

Roberta Grassi, responsabile scuola – educazione del Fai afferma: “Il 2017 vede la nascita di un nuovo appuntamento annuale del FAI: la Giornata FAI d’Autunno. Come per le Giornate di Primavera, si tratta di un’occasione per scoprire tesori nascosti del nostro territorio e condividere lo spirito di tutela e valorizzazione del patrimonio architettonico italiano. Per questa prima edizione, grazie alla disponibilità della diocesi di Reggio Emilia e Guastalla e dell’Ufficio beni culturali e nuova edilizia di culto, abbiamo deciso di aprire al pubblico la chiesa di San Domenico, un vero scrigno di arte e architettura che molti, anche fra i reggiani, non hanno mai avuto occasione di visitare”.

Continua Grassi:” A guidare i visitatori saranno gli Apprendisti Ciceroni del Liceo Artistico “G. Chierici”, che hanno anche realizzato uno studio sulla chiesa, la sua storia e i suoi tesori d’arte”. Venerdì 6 ottobre, dalle 14 alle 15, si è tenuto il sopralluogo alla chiesa di San Domenico, l’edificio è abitualmente chiuso al pubblico e visitabile soltanto in occasioni dedicate. Risale al 1233 dedicata a Cristo consacrato, nel 1261 passa a San Domenico e fa parte del complesso monastico dei domeicani è rimaneggiata nel ‘400 e nel ‘ 700 .

L’apertura  con i Ciceroni è domenica 15 ottobre,orario continuato dalle  10 alle ore 18,  previsti, ad una prima stima, più di 1000 visitatori. Alla fine della visita, alle 18.30, la giornata si chiuderà con una lettura dedicata a uno dei casi più rilevanti affrontati dal Tribunale dell’Inquisizione reggiano, che proprio in San Domenico ebbe la sua sede dall’anno 1509. La visita è gratuita, ma i visitatori sono invitati a contribuire con le loro donazioni alle opere di restauro e conservazione del FAI.

Ecco tutti gli studenti:Giada Fantuzzi, Sara Matilde Barbolini, Erika Mocci,Caterina Faietti, Sara Davalli, Roberta Matrone, Alessia Trombi, William Betancourt,Ester Doraci, Matteo Moretti, Margherita Russo,Filippo Rgnani, Marika Fusco, Federico Russo, Ferdinando Schettino, Fiamma Di Zitti, Angelo Cagnazzo, Guglielmo Rodolfo Bellentani.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura