Con don Andrea non cugini, ma fratelli!

Stampa articolo Stampa articolo

Montecavolo ha abbracciato il nuovo parroco, in unità con Quattro Castella

Sabato 30 settembre, nella chiesa dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria di Montecavolo, è stato accolto don Andrea Contrasti come nuovo parroco dell’unità pastorale di Quattro Castella, Roncolo, Salvarano e Montecavolo. Sosterranno don Andrea nel suo compito don Romano Vescovi e don Filippo Manini. Ad accompagnare don Andrea erano presenti numerosi fedeli, diaconi e sacerdoti delle parrocchie circostanti, tutti uniti in un comune sentimento di affetto e di festa per il nuovo arrivato. Anche la Casa della Carità di Cavriago ha partecipato alla Messa facendo sentire la sua gioiosa presenza.
Il sindaco Andrea Tagliavini ha presentato a don Andrea la comunità di Montecavolo e Salvarano. Tagliavini ha descritto questa comunità come attiva e dinamica: al sorriso e all’impegno dei giovani, che riempiono di vita gli spazi delle parrocchie e dei paesi, si affiancano i tanti parrocchiani che animano il Circolo, assolvendo a quella funzione di socializzazione di cui la nostra società tanto ha bisogno. (Clicca QUI e guarda tutte le foto)

In questa comunità sono presenti la scuola dell’infanzia “Don Silvio Castagnini”, che offre alle famiglie un servizio importante per la crescita e lo sviluppo dei più piccoli, e il Giardino di San Giuseppe che dà un’altra possibilità a persone cui la vita sembrava riservare solo sofferenza ed emarginazione. Una comunità come quella di Salvarano, poi, è capace di organizzare la più bella esposizione di presepi della provincia per far riscoprire a famiglie e bambini l’amore della Natività. Tagliavini ha invitato ciascuno a sentirsi partecipe del cambiamento e non solo spettatore. La celebrazione è stata guidata dal Vicario del Vescovo, monsignor Alberto Nicelli, che riprendendo il vangelo di Matteo ha paragonato l’unità pastorale alla vigna del Signore dove siamo tutti chiamati a lavorare mettendo a disposizione i nostri talenti e il nostro tempo perché portino frutto.

Nell’omelia Nicelli ha sottolineato che questa unione non deve aumentare le divisioni e le differenze presenti tra le comunità, ma deve essere un momento di cambiamento in cui aprire i cuori verso nuove prospettive. Don Alberto ha chiesto di non guardare alla figura del sacerdote come a un amministratore, ma come a una guida a cui non far mancare sostegno costante e affetto.

Leggi l’articolo completo di Simone Diana su La Libertà del 7 ottobre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana